sabato, 25 Maggio 2024
HomeRodiginoDeltaCasa di Comunità di Porto Tolle: c'è il progetto definitivo

Casa di Comunità di Porto Tolle: c’è il progetto definitivo

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Aulss 5 Polesana, approvato il progetto definitivo per la realizzazione della Casa di Comunità di Porto Tolle.

Per un importo complessivo di un milione e mezzo, al via la ristrutturazione del Punto Sanità in via Matteotti. Ospiterà i medici di medicina generale, il servizio di continuità assistenziale, ambulatori specialisti e molto altro

Il Direttore Generale dell’Azienda Ulss 5 Polesana, Pietro Girardi, ha approvato, nel corso della settimana appena trascorsa, l’ultimo atto che, di fatto, dà il via libera alla realizzazione della Casa della Comunità di Porto Tolle. Nello specifico, è stato approvato il progetto esecutivo della struttura che nascerà al posto dell’attuale Punto Sanità di via Matteotti. “Una approvazione che rientra nell’ambito del percorso di innovazione e sviluppo di una nuova sanità territoriale, di prossimità, sviluppato secondo le nuove esigenze della popolazione, così come delineate dal Pnrr – spiega il Direttore, Pietro Girardi – Sarà un luogo moderno, ristrutturato e reso confortevole e funzionale da soluzioni digitali innovative, rispettose dell’ambiente, che cambieranno il volto dell’immobile, rendendolo accogliente per i numerosi servizi che vi troveranno spazio”.

Si tratta di una ristrutturazione con adeguamento ed ammodernamento in linea con le normative in vigore e con le linee guida del Pnrr che prevede anche una grande opera di riqualificazione energetica. Un ulteriore passo avanti verso la sanità del futuro, fatta di strutture modello, dedicate all’assistenza sanitaria e alle cure primarie, dislocate sul territorio polesano. All’interno della nuova casa di comunità troveranno spazio lo sportello amministrativo, il punto prelievi, gli ambulatori infermieristici, gli ambulatori specialistici (per esempio sanno presenti il cardiologo, l’oculista, il dermatologo e altre specialità), il Punto unico d’accesso (Pua), l’assistente sociale e il servizio di continuità assistenziale e gli studi dei medici di Medicina Generale.

Nelle scorse settimane, il Direttore generale aveva approvato anche il via libera alla realizzazione dell’ospedale di comunità di Rovigo e delle case di comunità di Badia Polesine e Castelmassa, oltre che della casa di comunità di Adria.

Il progetto esecutivo della Casa della Comunità di Porto Tolle prevede un importo complessivo pari a 1 milione e 500mila euro. L’inizio dei lavori è previsto per maggio 2024, e la durata presunta degli stessi è di circa un anno.