sabato, 18 Maggio 2024
HomeRubricheCriptovaluteCriptovalute e ambiente: un nuovo progetto vuole rivoluzionare il sistema di trasporti...

Criptovalute e ambiente: un nuovo progetto vuole rivoluzionare il sistema di trasporti pubblico nei paesi in via di sviluppo

Tempo di lettura: 3 minuti circa

La criptovaluta eTukTuk punta a creare una rete di trasporti sostenibile per aiutare i paesi in via di sviluppo a ridurre l’impatto ambientale

Il settore degli asset digitali esercita un grande fascino sugli appassionati di tecnologia e finanza, tuttavia è risaputo che criptovalute e NFT hanno un impatto notevole sui consumi e sull’ambiente.

Nello specifico, le criptovalute con protocollo Proof-of-work come Bitcoin, si basano sul mining per mantenere la rete sicura. Il processo richiede un costo energetico elevato, con consumi superiori a quelli di interi paesi.

Il mining del Bitcoin viene effettuato principalmente da società che ultimamente stanno cercando fonti energetiche a basso costo o rinnovabili. Tuttavia, la necessità di tenere collegati alla rete un numero elevato di mining rig complica notevolmente le cose.

Per questo molte nuove criptovalute sul mercato vengono costruite su Ethereum, Binance o Solana, blockchain che utilizzano il protocollo Proof-of-stake. A differenza del Proof-of-work, questo protocollo permette di mantenere la rete sicura tramite lo staking delle criptovalute.

Per lo staking basta un wallet digitale e un dispositivo con una connessione internet attiva, quindi si rivela un metodo molto più ecologico. Va detto però che il mining del Bitcoin risulta molto attraente per molti trader, proprio per il valore del BTC.

La necessità di trovare soluzioni ecologiche anche nel campo delle criptovalute, ha visto la nascita di eTukTuk, un progetto ambizioso, ma allo stesso tempo molto interessante.

VAI ALLA PRESALE DI ETUKTUK

eTukTuk: un sistema sostenibile con tuktuk elettrici

eTukTuk è un progetto basato su TUK, un token costruito su Binance, con l’obiettivo di creare una rete di trasporti sostenibile nei paesi in via di sviluppo.

L’obiettivo è aiutare questi paesi a ridurre l’impatto ambientale, tramite la sostituzione dei tuk tuk a carburante con quelli elettrici.

Il team del progetto sta collaborando con il governo dello Sri Lanka per allestire officine e stazioni di ricarica per la manutenzione e la ricarica dei tuk tuk elettrici, così come per la creazione di uffici per il personale.

Oltre a contribuire a ridurre l’inquinamento, eTukTuk potrà fornire posti di lavoro nelle città dello Sri Lanka, a livello logistico e amministrativo.

Gli autisti dei tuk tuk elettrici potranno ricevere pagamenti in TUK da parte dei passeggeri e riutilizzare i token per ricaricare il proprio veicolo presso le apposite stazioni.

La criptovaluta consentirà a tutti di accedere al servizio di trasporto, con transazioni trasparenti e veloci che verranno registrate sulla blockchain. Per la gestione dei token, il team di etuktuk svilupperà un’app per i passeggeri e una per i conducenti.

Intelligenza artificiale e gioco P2E

Oltre ai pagamenti, il token TUK verrà impiegato per potenziare una IA integrata all’interno dei tuk tuk elettrici. L’intelligenza artificiale sarà in grado di ottimizzare i consumi, indicando agli autisti il percorso migliore per evitare il traffico cittadino.

Inoltre, l’IA integrata potrà eseguire una diagnostica dei veicoli e programmare la manutenzione nelle officine dedicate.

Il team svilupperà anche un gioco P2E, ispirato a Crazy Taxi, un famoso titolo prodotto da SEGA nel 2000. Nel gioco, si potrà guidare un tuk tuk elettrico nelle città dello Sri Lanka, portando i passeggeri a destinazione in cambio di token TUK che si potranno riutilizzare per potenziare il veicolo o sbloccare nuovi scenari.

La presale del progetto

Il primo prototipo di eTukTuk è stato presentato al World Economic Forum di Davos, tuttavia l’attivazione del servizio è ancora molto lontana. Secondo la roadmap, ci sarà prima il listing del token TUK su CEX e DEX, in seguito il team presenterà un prototipo della stazione di ricarica e inizierà ad allestire le prime officine.

Nel caso il team riuscirà a seguire tutti gli obiettivi, il progetto verrà lanciato ufficialmente nelle città dello Sri Lanka, per poi espandersi in futuro anche ad altri paesi in via di sviluppo.

Al momento, la presale del progetto ha raccolto 2,7 milioni di dollari, con il token TUK venduto a 0,0295 dollari. Acquistando il TUK sul sito ufficiale tramite BNB, USDT o carta di credito, sarà possibile fare subito staking e ottenere ricompense passive in base all’APY, attualmente del 97%.

VAI ALLA PRESALE DI ETUKTUK

 

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA A PAGAMENTO
Give Emotions e la testata La Piazza Web non si assumono alcuna responsabilità per il testo contenuto in questo pubbliredazionale (realizzato dal cliente) e non intendono incentivare alcun tipo di investimento.

Le più lette