martedì, 21 Maggio 2024
HomePadovanoConselvanoGli alunni della Ungaretti di Bagnoli di Sopra premiati in Regione per...

Gli alunni della Ungaretti di Bagnoli di Sopra premiati in Regione per il libro sull’esule istriana

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Le classi hanno presentato un e-book che, attraverso rappresentazioni grafico-pittoriche e narrazioni, introduce la biografia di Egea Haffner, “bambina con la valigia” divenuta simbolo dell’esodo istriano, giuliano e dalmata

Gli alunni e le alunne delle classi della scuola Primaria “G. Ungaretti” di Bagnoli di Sopra sono stati premiati per aver vinto il primo premio al Concorso “Donne d’Istria, Fiume e Dalmazia: dall’esodo al Giorno del Ricordo”. L’iniziativa rientra nell’ambito delle attività previste all’interno del Protocollo di Intesa tra la Regione del Veneto, l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto e la Federazione delle Associazioni degli Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati per la diffusione della conoscenza, lo studio e l’approfondimento della complessa vicenda delle foibe e dell’esodo istriano, fiumano e dalmata, per la commemorazione nel Giorno del Ricordo e per la valorizzazione del patrimonio culturale, storico, letterario e artistico degli italiani dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia, da proporre alle Scuole del Veneto.

Le classi hanno presentato un e-book che, attraverso rappresentazioni grafico-pittoriche e narrazioni, introduce la biografia di Egea Haffner, “bambina con la valigia” divenuta simbolo dell’esodo istriano, giuliano e dalmata. La scelta condivisa di approfondire la biografia di Egea Haffner si giustifica per tre differenti ragioni: la vicinanza geografica dei luoghi di vita di Egea e degli alunni, la forte resilienza che contraddistingue la protagonista, il parallelismo tra i percorsi di vita dell’esule e buona parte degli alunni.

“Il percorso, svolto dagli alunni in maniera attiva e laboratoriale, – spiega Chiara Martin, dirigente dell’istituto comprensivo Galliero  – ha promosso il senso della ricerca storica e ha reso gli alunni protagonisti attivi del proprio processo di apprendimento, attraverso la selezione e l’analisi di fonti differenti, le attività di ricerca e di scrittura collaborativa. Le attività di ricerca sono state caratterizzate per l’utilizzo intrecciato di varie fonti: storiche, geografiche, antropologiche e artistiche, al fine di coniugare in un’ottica interdisciplinare i saperi legati a discipline differenti (storia, geografia, italiano, educazione civica, arte e immagine)”.

“Il percorso svolto – aggiunge Chiara Martin – ha previsto un utilizzo integrato e funzionale delle tecnologie a supporto della didattica. Il prodotto realizzato dagli alunni si configura, infatti, come un elaborato multimediale, composto di più formati: testo, immagini, animazioni (stop motion), audio; alla cui realizzazione hanno contribuito più classi. In seguito a una prima attività di raccolta, analisi e lettura ragionata delle fonti; gli alunni, guidati degli insegnanti, si sono occupati della progettazione e pianificazione del lavoro, per poi svilupparlo mediante l’utilizzo di differenti linguaggi comunicativi”. 

Il lavoro si è concluso con la revisione collettiva di quanto prodotto. Accanto alla sperimentazione delle potenzialità aperte dalle tecnologie, gli alunni hanno lavorato sui processi partecipativi e sull’esercizio delle proprie abilità sociali, operando scelte condivise per il raggiungimento di un obiettivo comune”, conclude la dirigente scolastica.