mercoledì, 22 Maggio 2024
HomeRubricheCriptovaluteIl Bitcoin è ufficialmente più raro dell'oro. Intanto due meme coin sfruttano...

Il Bitcoin è ufficialmente più raro dell’oro. Intanto due meme coin sfruttano l’hype dell’halving e spiccano il volo!

Tempo di lettura: 4 minuti circa

PUBLISHING PARTNER

Dopo l’evento di dimezzamento, la principale criptovaluta ha incrementato la sua scarsità, il che potrebbe essere un elemento determinante nell’incremento del suo valore. Nel frattempo un paio di meme coin si stanno facendo decisamente notare. È il momento giusto per comprare?

Avete mai sentito parlare di stock-to-flow in relazione a Bitcoin? L’idea centrale dietro questo modello è che il prezzo di BTC sia guidato dalla sua scarsità. E un modo per misurare questa scarsità è guardare allo stock-to-flow, ovvero il rapporto tra la quantità di Bitcoin in circolazione e la quantità di quelli prodotti tramite mining in un determinato anno.

Più alto è il rapporto, più scarsa è l’attività.

Per riferimento, l’oro negli ultimi 100 anni ha avuto un rapporto stock-to-flow medio di circa 66 (variando da circa 45 a 85 a seconda dell’anno). Durante il terzo halving, il Bitcoin ha avuto un rapporto stock-to-flow appena sotto quello dell’oro, pari a 56. Ma dopo questo halving è destinato a salire al doppio di quello dell’oro, rendendolo un asset molto più scarso da questo punto di vista.

L’altro halving

Detto che l’halving dovrebbe avere un effetto positivo per il prezzo di Bitcoin (anche solo per l’effetto… “narrativo”), c’è un altro halving in corso al momento che in realtà è negativo per il valore della criptovaluta.

Si tratta dell’halving di Grayscale.

Dal lancio degli ETF Spot di Bitcoin a gennaio, il Grayscale Bitcoin Trust ha perso la metà delle sue riserve, visto che sono 300.000 i BTC di deflussi che il mercato ha dovuto assorbire. E il GBTC sta ancora perdendo liquidità con altri 300.000 BTC a rischio.

Questa dinamica, probabilmente, nel breve termine avrà un impatto maggiore sul prezzo di Bitcoin rispetto all’halving vero e proprio.

Pepe e Dogeverse guidano i guadagni delle meme coin post halving

Le meme coin stanno vivendo un momento rialzista da diversi giorni. In particolare sono Pepe (PEPE) e la prevendita di Dogeverse (DOGEVERSE) a guidare il gruppo dei migliori in termini di guadagni, poiché il popolare token della rana e quello multi-chain beneficiano di un’ondata di domanda speculativa.

A dare il via alla crescita post-halving è stato PEPE, che ha visto un notevole aumento del prezzo del 9% nelle ultime 24 ore. Ma questa ripida crescita è solo l’ultimo episodio di un notevole rally, con il token che è salito oltre il 30% da venerdì scorso.

Al momento, PEPE si scambia a $0,00000641, segnando il suo prezzo più alto da dieci giorni a questa parte. Anche gli indicatori tecnici sembrano sempre più rialzisti per il token a tema rana. PEPE ha registrato quattro chiusure giornaliere consecutive in territorio positivo e sembra pronto a farne una quinta.

In modo ancora più impressionante, il token è riuscito a rompere sopra la sua media mobile esponenziale a 20 giorni (EMA) sul grafico giornaliero per la prima volta dal 12 aprile. Questo movimento rialzista per PEPE arriva dopo un periodo turbolento. Ma il vento sembra cambiato e gli investitori stanno ora tornando ad accumulare il token.

La prevendita di Dogeverse supera i 9 milioni di dollari

Mentre PEPE ha catturato l’attenzione con il suo rally, un’altra meme coin sta facendo parlare di sé. Dogeverse, attualmente in fase di prevendita, ha appena superato il traguardo di 9 milioni di dollari raccolti.

Merito della sua ambiziosa visione, ovvero quella del “primo Doge in grado di viaggiare tra le blockchain”, con un caso d’uso cross-chain. Il team di Dogeverse mira a unire la comunità delle meme coin attraverso più reti blockchain: Ethereum, BNB Chain, Solana, Avalanche, Base e Polygon.

Utilizzando una tecnologia di collegamento avanzata, i detentori di DOGEVERSE saranno in grado di attraversare questi ecosistemi crypto con commissioni minime.

Ma c’è di più in Dogeverse oltre alla sua interoperabilità.

Il protocollo include anche un meccanismo di staking che permette agli utenti di guadagnare ricompense passive sui loro token DOGEVERSE. Secondo la dashboard del progetto, i rendimenti annuali stimati sono del 117%, quindi molto più alti della media del settore.

Combinando il suo obiettivo multi-chain con questi alti rendimenti, il team di sviluppo mira chiaramente a portare un po’ di legittimità (e utilità) allo spazio delle meme coin, con molti trader che stanno scommettendo che Dogeverse possa essere la prossima meme coin a diventare virale.

Vai alla prevendita di Dogeverse

 

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA A PAGAMENTO
Give Emotions e la testata La Piazza Web non si assumono alcuna responsabilità per il testo contenuto in questo pubbliredazionale (realizzato dal cliente) e non intendono incentivare alcun tipo di investimento.

Le più lette