venerdì, 24 Maggio 2024
HomeBreaking NewsMinaccia la moglie con un coltello da cucina, arrestato

Minaccia la moglie con un coltello da cucina, arrestato

Tempo di lettura: 2 minuti circa

L’uomo è stato bloccato dagli agenti del commissariato di Jesolo, avvertiti dalla donna che è riuscita a fuggire di casa

Un cittadino di origini tunisine, residente in città, è stato arrestato dai poliziotti del commissariato di Jesolo, con l’accusa di maltrattamenti in famiglia. L’uomo, già con precedenti di polizia ed in stato di ebbrezza alcolica, avrebbe gravemente minacciato la moglie con un coltello da cucina.

Dopo le minacce, la donna, molto spaventata, è riuscita a fuggire dall’abitazione e a chiedere aiuto alla Polizia. Quando i poliziotti sono giunti sul posto, l’uomo ha tentato di nascondere dietro la schiena un coltello da cucina di grandi dimensioni.

Pertanto il cittadino tunisino, che già nel corso del 2023 si sarebbe reso responsabile di reiterati maltrattamenti in famiglia e lesioni personali nei confronti della moglie, è stato arrestato e condotto in carcere a Venezia.

Minaccia gli agenti con un coltello, arrestato

Nei giorni scorsi, nell’ambito di un’attività finalizzata alla prevenzione ed al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, gli stessi poliziotti del commissariato jesolano hanno notato due cittadini stranieri che, alla vista della pattuglia, hanno cercato di fuggire scavalcando le recinzioni delle vicine abitazioni.

Gli agenti sono riusciti a raggiungere uno dei due soggetti, il quale ha afferrato dalla tasca un coltello a serramanico che avrebbe puntato contro gli agenti i quali, nonostante ciò, sono riusciti a fermarlo ed a bloccarlo.

Il giovane cittadino straniero, in Italia senza fissa dimora, è stato accompagnato in commissariato per gli accertamenti di rito e, a seguito di perquisizione, sono state rinvenute, oltre al coltello a serramanico lungo 21 cm, numerose banconote per un totale di oltre 800 euro, sul cui possesso lo stesso non ha saputo fornire alcuna giustificazione plausibile.

Il soggetto, pertanto, è stato tratto in arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale oltre che per porto abusivo di arma da taglio.