sabato, 18 Maggio 2024
HomePadovanoBassa PadovanaMonselice: l'amministrazione ringrazia Emanuele Manin per il suo lavoro

Monselice: l’amministrazione ringrazia Emanuele Manin per il suo lavoro

Tempo di lettura: 2 minuti circa

La Giunta Bedin consegna un riconoscimento e una litografia allo storico custode del Castello di Monselice ormai prossimo alla pensione. Un ringraziamento ufficiale per gli anni di impegno e dedizione

La consegna del riconoscimento a Emanuele Manin (credits Modena Photo su gentile concessione)
La consegna del riconoscimento a Emanuele Manin (credits Modena Photo su gentile concessione)

Quarant’anni come custode e guida storica del Castello di Monselice: per Emanuele Manin, prossimo al pensionamento, arriva il ringraziamento ufficiale da parte della Giunta Bedin e dell’amministrazione. Già nel 2013 Manin aveva ricevuto il riconoscimento di benemerenza per la sua devozione e il suo impegno nel preservare, valorizzare e promuovere il complesso monumentale della Rocca. A distanza di un decennio un nuovo attestato e una litografia a testimonianza della riconoscenza del comune di Monselice per il suo lavoro e per la costante collaborazione.

“Nel corso degli anni il signor Emanuele è sempre stato dedito nel preservare e proteggere la storia e il patrimonio culturale del Castello di Monselice, rendendolo un polo attrattivo per i visitatori ed un punto di riferimento per la comunità monselicense” si legge in una nota di Palazzo Tortorini. Durante la consegna del riconoscimento, è intervenuto anche l’Amministratore unico di Veneto Edifici Monumentali, l’avvocato Aldo Rozzi Marin, che ha ricordato la sua prima visita al Castello. “Era il 1986 e rimasi colpito dalla magnificenza del complesso monumentale sia del Castello che della Rocca. Non mi sarei mai immaginato di trovare una collezione di armi medievali tra le più ricche d’Italia, oggetti di grande valore che Emanuele ha saputo trattare sempre con la dovuta cura e rispetto” ha raccontato Rozzi Marin “Ho avuto la fortuna di collaborare con una persona innamorata del proprio lavoro, Emanuele ha fatto del proprio lavoro una passione e il suo senso di lealtà verso la società di gestione dei beni non è mai venuto a mancare come neanche lo spirito di collaborazione con l’Amministrazione comunale”.

Il Castello di Monselice, di cui Manin è la guida storica, fa parte del più ampio Complesso Monumentale Rocca di Monselice che comprende anche Villa Duodo, il Mastio Federiciano, l’Antiquarium Longobardo e il Museo delle Rarità Carlo Scarpa. Un complesso che racconta la storia di un’intera città e che si inserisce a pieno titolo nel patrimonio architettonico e culturale monselicense. “Grazie Emanuele per la dedizione dimostrata in tutto questo tempo per la tua città e i suoi cittadini” ha concluso il primo cittadino Bedin.

Martina Toso