mercoledì, 22 Maggio 2024
HomeVenezianoVeneto orientaleMusica e cena istriana con Abdon Pamich per riscoprire le tradizioni di...

Musica e cena istriana con Abdon Pamich per riscoprire le tradizioni di un luogo molto veneto

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Organizzato al ristorante “Perché” di Roncade sabato 4 maggio

Il grande violinista Uto Ughi

Da Uto Ughi a Sergio Endrigo: e chi non li conosce? Ma anche da Giuseppe Tartini ad Antonio Smareglia. Passando dalla “bitinada” dei pescatori di Rovigno.

“La musica dell’Istria”, evento che si terrà sabato 4 maggio (con inizio alle 17) al ristorante “Perché” di Roncade (Treviso), sarà il seguito di una serie di fortunati incontri culturali ed enogastronomici che il locale insieme alla Anvgd del Veneto organizza da qualche anno per far conoscere meglio la storia e l’identità culturale dell’Istria, di Fiume e della
Dalmazia.

Animatori i giornalisti Renato Malaman e Martina Vocci che, dopo l’introduzione di Italia Giacca, coordinatrice Anvgd del Veneto e ispiratrice del tema, guideranno il pubblico in una passeggiata nella storia e nel presente. Un viaggio in sospeso fra il passato e i giorni nostri che avrà come guida anche Francesco Squarcia, artista fiumano, strumentista di valore, tanto che per 35 anni è stato “prima viola” all’Accademia Nazionale Santa Cecilia di Roma.

Squarcia che è anche un cantante di indubbie doti. Sarà lui ad intervallare il
racconto con la sua musica.

Ospite d’onore della serata Abdon Pamich, leggenda della marcia azzurra, campione olimpico nel 1964 a Tokyo e 40 volte campione italiano. A 90 anni suonati, Pamich, esule fiumano, sarà protagonista di un siparietto a sorpresa con l’amico Squarcia, nell’insolita
veste di autore musicale.

La celebre cuoca Annamaria Pellegrino

Dopo il viaggio nella musica, la serata vivrà l’altro atteso momento: la cena tipica istriana proposta da Anna Maria Pellegrino, studiosa della cucina e volto familiare della trasmissione “Geo” su Rai3. Cena preparata a quattro mani con Luca Boldrin, cuoco del “Perché”. Si può partecipare anche soltanto all’incontro, previa prenotazione del posto.

Le prenotazioni alla cena (costo 42 euro) vanno fatte telefonando al ristorante
“Perché”: tel. 0422 849015. L’artistica locandina che annuncia l’evento è
opera di Giulia Faggin. Eco il menu:

Antipasto
“Broeto”

(Zuppetta di pesce dell’Alto Adriatico)

Primo

Risotto di Scampi e Asparagi

Secondi

Uova strapazzate con erbette selvatiche di primavera
“Sfogeti”fritti (sogliole di piccola taglia)
serviti con Patate lesse e Biete novelle

Dessert

Palačinka alla marmellata con un ciuffo di panna