mercoledì, 22 Maggio 2024
HomeVenezianoCavarzereNuova sede Auser per Cavarzere

Nuova sede Auser per Cavarzere

Tempo di lettura: 2 minuti circa

La nuova sede di Cavarzere, con tre ampi locali, concessi in locazione dall’Ater e ripristinati dai volontari, consentirà di organizzare numerose attività

Apre finalmente la nuova sede dell’Associazione di Volontariato Auser di Cavarzere, che è stata inaugurata nei giorni scorsi alla presenza della Presidente Floriana Nicolè, dell’Assessore ai Servizi Sociali Marco Grandi, del Sindaco di Cona Alessandro Aggio, della Presidente AUSER Provinciale Luisa Bottazzo, del Presidente del CSV Mario Morandi e di un folto pubblico.

La nuova sede, con tre ampi locali, concessi in locazione dall’Ater e ripristinati dai volontari, consentirà di organizzare numerose attività. Per la popolazione anziana in particolar modo, sarà uno spazio di incontro, di relazioni, di legami sociali.

Oltre alle attività storiche di accompagnamento e trasporto sociale, troveranno spazio nella sede, iniziative culturali e di socializzazione, corsi, laboratori  creativi, e un punto di ascolto e teleassistenza per le persone fragili e sole, per fornire sostegno pratico ed anche psicologico nelle situazioni di maggior difficoltà, per superare un lutto o affrontare una malattia invalidante.

L’inaugurazione è stata preceduta da un incontro pubblico in Sala Convegni di Palazzo Danielato, aperto dal Sindaco Pierfrancesco Munari, dove, dopo la relazione dello Psicologo Federico Pavanello sulla condizione degli anziani, focalizzata sulla solitudine nella terza età, la presidente ha presentato il Progetto “Inclusione e Cittadinanza attiva” del quale Auser è promotrice, avendo aderito all’ iniziativa “Protagonisti di Cambiamento” del Centro Servizi per il Volontariato di Venezia, in partenariato con l’Ass. NOI di Pegolotte e in collaborazione con i due Comuni territorialmente interessati.

Il progetto prevede percorsi di inclusione e valorizzazione delle competenze delle persone anziane, promozione di un invecchiamento attivo, condizione essenziale per prevenire situazioni di fragilità, esclusione ed isolamento. La terza età protagonista e al tempo stesso beneficiaria del progetto che prevede corsi di alfabetizzazione digitale per over 60, corsi di potenziamento della memoria , attività culturali come visite a Mostre e Musei, a città d’arte. Per favorire l’apprendimento permanente saranno organizzati già in questo mese gruppi di lettura con la presentazione di libri di narrativa, saggi e  poesie, sarà allestita in sede una piccola biblioteca per favorire la lettura. Per favorire il benessere fisico saranno organizzati 2 corsi di acquagym  in piscina termale a Montegrotto, come già avviene da alcuni anni.