giovedì, 23 Maggio 2024
HomeAnimaliNuove casette per le oche delle Mura di Treviso

Nuove casette per le oche delle Mura di Treviso

Tempo di lettura: < 1 minuti circa

Sono 17 i volatili che vivono nella Penisola del Paradiso, a ridosso delle Mura

Potranno deporre le uova e covarle in tutta tranquillità al riparo dai predatori. Il Comune di Treviso ha installato le nuove casette per la nidificazione e la salvaguardia delle oche che vivono nella Penisola del Paradiso, lingua di terra situata nel fossato delle Mura di Treviso.

I cinque giacigli di legno, che possono ospitare fino a due nidi ciascuno, sono larghi un metro, alti 60 centimetri e profondi 60 centimetri. In questo modo le covate dei palmipedi saranno protette dai corvidi presenti in zona, che si nutrono delle uova.

“Le casette sono state posizionate grazie all’Ufficio Affari Animali d’Affezione e lo specifico Nucleo di tutela animali della Polizia locale – spiega il vicesindaco Alessandro Manera, che ha la delega all’Ambiente – Con questa nuova installazione si vogliono tutelare gli animali che vivono nella Penisola del Paradiso e fanno parte a tutti gli effetti del nostro contesto cittadino per fare sì che le loro uova non vengano aggredite soprattutto da cornacchie grigie e gazze ladre”. “Con i lavori di restauro e valorizzazione delle Mura anche questi luoghi saranno fruibili dai cittadini”, sottolinea il sindaco Mario Conte.

Le oche della Penisola del Paradiso sono 17, principalmente di razza romagnola, di cui 4 nate nel 2023. Il periodo di cova va dai primi di marzo a giugno. Le uova solitamente deposte sono dalle 12 alle 20 unità. Il tempo di incubazione è di 30 giorni.

 

Le più lette