sabato, 25 Maggio 2024
HomeRodiginoProvincialeOcchiobello, 45 enne aggredisce il coniuge, arrestata

Occhiobello, 45 enne aggredisce il coniuge, arrestata

Tempo di lettura: 2 minuti circa

A Occhiobello la donna ha minacciato e opposto resistenza ai carabinieri intervenuti sul posto

Nella notte tra sabato 13 e domenica 14 aprile 2024, i Carabinieri dell‘Aliquota Radiomobile della Compagnia di Castelmassa (RO) hanno tratto in arresto una 45enne, italiana, residente a Occhiobello (RO), ritenuta responsabile, in ipotesi accusatoria, di resistenza a pubblico ufficiale. Nel corso della tarda serata di sabato, una “gazzella” dei Carabinieri raggiungeva un’abitazione della frazione Santa Maria Maddalena di Occhiobello, dove l’indagata, per futili motivi, aveva aggredito il proprio coniuge, che aveva telefonato al numero di Pronto Intervento “112” per chiedere aiuto.

I Militari, giunti sul posto e identificate le parti in causa, richiedevano l’intervento del personale sanitario del “SUEM 118” per medicare l’uomo, che presentava una lesione all’avambraccio provocatagli dalla donna, che verteva in evidente stato di alterazione, tanto che oltraggiava e minacciava il personale operante.

Nel frattempo, raggiungevano l’abitazione coniugale anche i sanitari che, dopo avere prestato al ferito le cure del caso, stavano occupandosi di redigere la relativa documentazione medico – legale. A quel punto, però, l’indagata strattonava uno dei sanitari, cui sottraeva di mano il referto, strappandolo, e impugnata, una bottiglia di liquore, tentava di scagliarla contro i Carabinieri, non riuscendovi perché questi la bloccavano per un braccio, venendo attinti da pugni e calci senza, purtuttavia, riportare alcuna lesione. Pertanto, i Militari, per respingere la violenza dell’indagata, dovevano ricorrere alla coazione fisica, bloccandola.

La donna, dichiarata in arresto, su disposizione della Procura della Repubblica di Rovigo era trattenuta nelle camere di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Castelmassa, in attesa della richiesta udienza di convalida, nel corso della quale la Procura di Rovigo chiedeva ed otteneva con rito direttissimo dal Giudice la convalida dell’arresto.