sabato, 18 Maggio 2024
HomeVeronaRendiconto 2023, Assessore Bertucco: «Verona ha chiuso con i conti in ordine...

Rendiconto 2023, Assessore Bertucco: «Verona ha chiuso con i conti in ordine e un avanzo di amministrazione, performance di assoluta eccellenza»

Tempo di lettura: 4 minuti circa

A disposizione risorse per un importo di 20/21 milioni di euro da utilizzare da subito in favore di emergenza abitativa, sociale, strade, sicurezza, mobilità, mura ed edilizia scolastica.

Una gestione finanziaria 2023 che ha registrato entrate decisamente straordinarie, fa sapere in una nota stampa Palazzo Barbieri. Un risultato ottenuto “grazie ad un incremento che è riuscito a superare anche gli ultimi risultati importanti raggiunti nel 2019, prima del Covid”.

Il Rendiconto di gestione 2023, comprensivo di conto economico e stato patrimoniale dell’ente, è stato illustrato questa mattina dall’assessore al Bilancio Michele Bertucco. Il documento, approvato in questi giorni dalla Giunta, passa ora all’esame del Consiglio comunale che dovrà licenziarlo entro il 30 aprile.

Nel complesso Palazzo Barbieri chiude l’esercizio con un risultato per la parte dell’entrata corrente pari a 382 milioni di euro, in crescita rispetto al 2022 dove si è registrato un risultato di 368 milioni di euro.

“Il rendiconto 2023 – dichiara l’assessore Michele Bertuccochiude con i conti in ordine e con la messa a disposizione di un avanzo di amministrazione che potrà essere utilizzato per un importo di 20/21 milioni di euro da subito per investimenti. Una particolare attenzione è stata riservata al settore sociale con un importante aumento delle spese a favore delle fasce più deboli, alle aziende partecipate con lo stanziamento degli aumenti di capitale sociale a favore di Amia per 4 milioni di euro, e dell’aeroporto Catullo per 4,3 milioni di euro”.

L’indebitamento del Comune è stato ridotto in maniera importante, ha spiegato Bertucco,  con un passaggio da 146,6 milioni di euro del 2021 a 81,2 milioni di euro alla fine del 2023. Verona, inoltre, è ancora una volta il primo Comune in Italia per i tempi di pagamento (13 giorni) nei confronti dei fornitori.

“Questi dati sono lusinghieri prosegue Bertucco e confermano che il Comune di Verona ha saputo presidiare  anche nell’esercizio 2023 un aspetto assolutamente strategico, garantendo una performance di assoluta eccellenza. Un Comune con un bilancio in salute che potrà fare investimenti importanti anche nel 2024”.

Avanzo

La gestione si è conclusa con un avanzo di amministrazione di 232 milioni di euro (nel 2022 – 207 milioni di euro), di cui parte accantonata pari a 115,6 milioni di euro, vincolata 63,5 milioni di euro, destinata agli investimenti 9,8 milioni di euro e disponibile 42,9 milioni di euro.

Turismo, entrate 2023

Si è registrato un incremento degli accertamenti per l’imposta di soggiorno, pari a 6,2 milioni di euro (5,1 milioni di euro nel 2022 – 2,1 milioni di euro nel 2021) e delle entrate da musei, pari a 6,7 milioni di euro (6 milioni nel 2022 – 3,2 milioni di euro nel 2021) e da Veronacard, pari a 2,5 milioni di euro (2,1 milioni di euro nel 2022).

Altre entrate

I proventi derivanti dalla gestione dei beni comunali sono in netta ripresa: infatti nel 2023 gli accertamenti complessivi ammontano a euro 24,5 milioni di euro mentre nel 2022 erano pari ad euro 19,4 milioni. L’aumento si è registrato in particolare con riferimento al canone per le occupazioni edilizie e ai proventi da parcheggi.

I proventi derivanti dall’attività di controllo delle irregolarità ed illeciti ammontano a 28,1 milioni rispetto agli accertamenti registrati nel 2022 pari ad euro 27,4 milioni e a quelli registrati nel 2021 pari ad 18,7 milioni di euro.

Entrate tributarie: l’accertamento dell’IMU per il 2023 è stato pari ad 88,5 milioni di euro, mentre quello relativo alla TARI è stato pari ad 51,4 milioni di euro – entrambi sostanzialmente in linea con il 2022. La quota per addizionale IRPEF è accertata in 38,1 milioni di euro.

Spesa

Per la spesa corrente l’Amministrazione lo scorso anno ha impegnato 329,5 milioni di euro dei quali oltre 174,9 milioni per l’acquisto di beni e servizi, 54,5 milioni per trasferimenti correnti e 78 milioni per il pagamento del personale dipendente del Comune di Verona.

Da rilevare maggiori spese in favore del sociale, con particolare attenzione ai servizi in favore dei minori, che registrano un +2,5 milioni di euro; disabilità, +1 milione di euro; anziani +300 mila; accoglienza + 300 mila.

Crescono anche le risorse in favore della sicurezza, +420 mila.

La cultura passa da 18milioni 400mila investiti nel 2022 a 21milioni 800 mila nel 2023, a cui si aggiungono 400 mila euro in più per il turismo.

Fra le principali opere/spese in conto capitale, finanziate ed impegnate nel corso 2023 vi sono: 22,3 milioni (contributi PNRR + avanzo amministrazione) per il recupero del compendio dell’ex caserma Santa Caterina e del forte, attualmente in fase di procedura di affidamento lavori; 2,2 milioni (contributi PNRR) per la realizzazione dell’itinerario ciclabile previsto nel PUMS-B17, ‘Parona – Ponte Garibaldi’, attualmente in fase di procedura di affidamento lavori; 1,8 milioni di avanzo destinati alle Circoscrizioni per la manutenzione straordinaria non programmata di nidi e scuole di ogni ordine e grado; 1,6 milioni (avanzo + PNRR) per integrazione del progetto di realizzazione del nuovo parco sportivo della Spiana’; 1,6 milioni (avanzo) per il rifacimenti e completamenti di strade e marciapiedi delle Circoscrizioni; 933.775 euro (avanzo) per Progetto S.T.E.P.S. – Ex Casa Colonica Saval – lavori di ristrutturazione 2° lotto.

Inoltre, 800 mila euro (avanzo) per interventi di mobilità sostenibile con realizzazione di percorsi ciclabili dedicati; 750 mila euro per riqualificazione aree verdi, campi gioco e cortili scolastici; 700 mila euro (avanzo) per intervento Arsenale lotto I – restauro conservativo compendio; 671 mila euro (avanzo) per integrazione importo progetto “Bando periferie” Veronetta – Lotto 1 – Santa Marta.

Nel corso del 2023 è stata inoltre contabilizzata l’acquisizione al patrimonio comunale delle porzioni di Cinta Magistrali (San Zeno, San Giorgio ed ex fortino Porto San Giorgio) per un valore di 17, 7 milioni di euro.

Tempi di pagamento

Nell’esercizio appena concluso il Comune di Verona ha pagato i propri fornitori mediamente in 13 giorni, quindi, in media 20 giorni prima dello scadere delle fatture. Tale valore rappresenta il miglior risultato ottenuto dai Comuni appartenenti alla fascia di popolazione superiore ai 250 mila abitanti. Da tenere presente che nel 2023 l’Amministrazione – fra fatture, contributi, stipendi, ecc – ha immesso liquidità nel sistema per un importo complessivo pari ad euro 443 milioni di euro rappresentando in tal modo un volano per tutta l’economia del territorio.