sabato, 25 Maggio 2024
HomeVicentinoVicenzaTruffa a un'anziana: in due si fanno dare seimila euro e scappano....

Truffa a un’anziana: in due si fanno dare seimila euro e scappano. Ma sono inseguiti dai carabinieri che li arrestano

Tempo di lettura: 2 minuti circa

La truffa messa a segno a Pojana di Granfion: protagonisti due italiani di 28 e 48 anni

Due arrestati per truffa da parte dei carabinieri: si tratta di C.G., ventottenne, italiano, con precedenti, e di L. A., quarantottenne, italiano, anche lui con precedenti, entrambi residenti fuori regione. Poco prima, nella mattina i due uomini, a Pojana di Granfion del comune di Grisignano di Zocco, perpetravano una truffa ai danni di una signora ottantasettenne del posto.

Un uomo contattava l’anziana al telefono e, qualificandosi come maresciallo dei Carabinieri, chiedeva alla donna del denaro paventando un incidente che aveva coinvolto la figlia. La somma sarebbe sarebbe servita ad evitarle il carcere.

Hanno usato il trucco della figlia che rischiava l’arresto dopo un incidente

Dopo la telefonata, si presentava all’abitazione della donna, il secondo uomo che,
qualificandosi come carabiniere, riusciva a farsi consegnare la somma di 6000 euro in
contanti. Nel momento in cui il malfattore chiedeva anche la consegna di preziosi, arrivava
la figlia dell’anziana che causava la precipitosa fuga del truffatore. La donna, dopo aver
inseguito a piedi l’uomo, riusciva ad annotare modello e targa del veicolo utilizzato per la
fuga, allertando subito questa centrale operativa.

I militari riuscivano ad intercettare l’auto utilizzata dai malviventi che in quel mentre sopraggiungeva da una delle direttrici che proviene da Grisignano.
Dopo un breve tentativo di fuga i militari riuscivano a bloccare l’auto e a seguito di
perquisizione, rinvenivano l’intera somma in danaro asportata alla parte offesa pochi
minuti prima.

I due uomini venivano dichiarati in arresto e trattenuti all’interno delle camere di
sicurezza fino all’udienza di convalida tenutasi questa mattina.
Il giudice convalidava gli arresti, disponendo per entrambi l’obbligo di presentazione alla
polizia giudiziaria rimettendoli in libertà.