martedì, 23 Aprile 2024
HomeBreaking NewsTruffe agli anziani, a Treviso parte una campagna di prevenzione

Truffe agli anziani, a Treviso parte una campagna di prevenzione

Tempo di lettura: 3 minuti circa

Una campagna contro le truffe agli anziani lanciata in provincia di Treviso da Questura, supermercati Aspiag e associazione degli amministratori condominiali

Anziani vittime predilette dei truffatori anche nella Marca. Per prevenire il fenomeno e sensibilizzare i diretti interessati si rinnova la campagna contro le truffe, ideata da Aspiag Service (concessionaria dei marchi Despar, Eurospar e Interspar per il Triveneto, l’Emilia-Romagna e la Lombardia) e dalla Questura di Treviso e portata avanti grazie al sostegno di Anaci provinciale, l’Associazione nazionale amministratori condominiali e immobiliari.

Presentata oggi, la campagna informativa “Insieme, contro le truffe” coinvolgerà il territorio dell’intera provincia, attraverso la diffusione di opuscoli informativi realizzati dalla Polizia di Stato. Il messaggio verrà diffuso sia in tutti i condomini gestiti dall’Anaci Treviso, sia attraverso la rete vendita di Despar, che distribuirà le oltre 50 mila copie di opuscoli informativi in tutti i 25 punti vendita Despar, Eurospar e Interspar (di cui 15 diretti e 10 affiliati) della provincia di Treviso. L’obiettivo è quello di sensibilizzare i cittadini, fornendo informazioni utili e ricordando i numeri d’emergenza a cui rivolgersi per denunciare una truffa, stabilendo un collegamento diretto con le forze dell’ordine.

L’iniziativa rappresenta la continuazione del percorso di collaborazione tra la concessionaria del marchio Despar e la Polizia di Stato, che negli anni continua a essere un esempio di sinergia tra il settore privato e le istituzioni pubbliche per garantire la sicurezza e la tutela dei cittadini.

Il questore di Treviso: “Per paura e vergogna molti anziani non denunciano”

“La tematica delle truffe agli anziani rappresenta un problema di stretta attualità, che vede quotidianamente impegnata la Polizia di Stato nella sua opera di prevenzione e contrasto – sottolinea il questore di Treviso, Manuela De Bernardin Stadoan In questa tipologia di reati, al danno economico si aggiunge, spesso, un sentimento di paura e vergogna, che spinge molti anziani a non denunciare le truffe di cui sono vittime. Il ruolo delle campagne di sensibilizzazione, come quella promossa con Aspiag Service – Despar, è proprio quello di accrescere la consapevolezza del fenomeno e della sua gravità, condizione indispensabile per garantire, in via prioritaria, un’efficace azione di prevenzione”.

Taliana (Aspiag): “Obiettivo sensibilizzare soprattutto i più vulnerabili”

“Anche quest’anno siamo orgogliosi di confermare il nostro impegno a favore di questa significativa iniziativa, promossa in collaborazione con le sette Questure del Veneto, tra cui la Questura di Treviso, e l’Associazione Anaci – afferma Giovanni Taliana, direttore regionale di Aspiag Service Despar per il VenetoAttraverso il supporto della Polizia di Stato e la diffusione di materiali informativi nei condomini e nei nostri punti vendita, abbiamo l’opportunità di offrire un aiuto tangibile ai cittadini, sensibilizzando e informando la comunità sulla prevenzione e sul riconoscimento delle truffe, soprattutto nei confronti delle persone più vulnerabili. Grazie alla nuova sinergia con Anaci, possiamo raggiungere ora un pubblico ancora più vasto e mettere a disposizione degli strumenti utili per la protezione individuale. Invito calorosamente tutti i cittadini a partecipare attivamente a questa iniziativa e a segnalare eventuali casi sospetti alle autorità competenti”.

“E’ con molto piacere e orgoglio che partecipiamo a questa importante iniziativa molto sentita in quest’ ultimo periodo durante il quale, come comunicato da notiziari e stampa locale, i nostri anziani sono sempre più esposti a truffe da parte di persone che non hanno nessun ritegno – conferma Maurizio Ceschin, presidente Anaci di TrevisoDa molto tempo noi di Anaci trasmettiamo questo messaggio ai nostri condomini, sia nelle assemblee condominiali che nelle riunioni con i nostri associati. L’importante è fare rete e dare disponibilità in modo tale che queste situazioni di pericolo vangano evitate”.

Le più lette