sabato, 25 Maggio 2024
HomeVenezianoVeneziaBreast Unit dell'Ulss 3 Serenissima: presa in carico immediata, già 310 donne...

Breast Unit dell’Ulss 3 Serenissima: presa in carico immediata, già 310 donne operate nel 2024

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Tumori al seno, Ospedale dell’Angelo di Mestre al top, il 100% degli interventi è stato effettuato entro 30 giorni dalla visita

Risultati incoraggianti per la Breast Unit dell’Ulss 3 Serenissima nella lotta contro i tumori al seno nel 2024. In caso infatti di donne che abbiano un sospetto di tumore, la Breast Unit dell’Ulss 3 Serenissima garantisce la presa in carico immediata, e poi l’accompagnamento completo e continuo. “La rapidità nella presa in carico da parte dei nostri specialisti – sottolinea il Direttore Generale Edgardo Contato – è uno dei motivi per cui l’Ospedale di Mestre è stato giudicato dall’Agenas come la prima struttura in Italia per qualità delle cure oncologiche. Nel trattamento del tumore della mammella, i dati degli ultimi due anni certificano la piena puntualità del lavoro della nostra Breast Unit: nel 2023, le pazienti operate di tumore della mammella sono state 714, e per il 99% sono state operate entro 30 giorni dalla visita; nel 2024 le pazienti operate di tumore della mammella sono state fin qui 310, e la percentuale di interventi effettuati entro 30 giorni è salita al 100%”.

“E’ importante che le donne conoscano l’efficienza del nostro servizio – sottolinea il Direttore della Breast Unit, il dottor Guido Papaccio – perché vi si affidino con consapevolezza, già a partire dall’eventuale sospetto. I medici di medicina generale e gli specialisti ai quali ogni donna può rivolgersi per la comparsa di una sintomatologia senologica, ad esempio il ginecologo di fiducia, possono contattare direttamente la Breast Unit, attraverso il numero telefonico della segreteria messo a disposizione. Alla chiamata del curante corrisponde un appuntamento. La donna viene visitata entro 24 ore se il curante prescrive l’urgenza, o entro 10 giorni se questa tempistica è consona nella valutazione del medico che la segue”. Da qui in poi la Breast Unit affianca la paziente in modo completo: “Alla visita la donna viene valutata dal senologo – continua il dottor Papaccio – e viene subito attivato il percorso diagnostico più appropriato”.

Inoltre viene posta l’attenzione a tutte le fasi del percorso, compresa la fase riabilitativo-funzionale, con la presenza del fisiatra e del fisioterapista per la riabilitazione nel post operatorio, e compreso, quando necessario, il supporto psicologico sia individuale che per la famiglia delle pazienti che lo necessitassero. “Inoltre, la presenza nella nostra équipe del chirurgo plastico – sottolinea ancora il dottor Papaccio – permette di offrire alle donne la possibilità di ricostruzioni immediate senza ulteriori interventi, facendo in modo che la donna possa avere un miglior impatto sociale e di immagine corporea. La presa in carico della paziente a 360 gradi – conclude il Primario – prosegue per il follow up dei successivi cinque anni”.

Riccardo Musacco