martedì, 21 Maggio 2024
HomePadovanoCasone delle Sacche, inaugurata la nuova gestione

Casone delle Sacche, inaugurata la nuova gestione

Tempo di lettura: 2 minuti circa

L’associazione di Brugine si è aggiudicata la concessione per tre anni

Da oltre 10 anni era rimasto inutilizzato. Il presidente Giordani: “L’obiettivo è di trasformarlo in un punto di riferimento per il nostro territorio e promuovere un turismo sostenibile”.

Un rifugio di Laguna. All’insegna di questo motto, nella gronda lagunare di Conche, è stato ufficialmente inaugurata la nuova gestione del Casone delle Sacche. Il Casone delle Sacche è l’unico avamposto di proprietà della Provincia sulla laguna, con affaccio sul territorio di Chioggia. Originariamente utilizzato come casa di caccia, il complesso è composto da due edifici, il casone principale e la cavana, costruiti rispettivamente nella seconda metà dell’Ottocento e negli anni Cinquanta del secolo scorso.

Da oltre dieci anni, da quando il Comune, che lo aveva in concessione, lo ha restituito alla Provincia, è rimasto completamente inutilizzato. Per alcuni anni è diventato un recapito postale per le Guardie forestali, poi neanche più quello.

Recentemente, un intervento di recupero funzionale ha restituito all’edificio la sua bellezza originaria, creando spazi accoglienti per la comunità e i visitatori.

“Abbiamo mantenuto fede all’impegno di dare una nuova gestione al Casone – ha esordito il presidente Sergio Giordanicon l’obiettivo di trasformarlo in un punto di riferimento per il nostro territorio e promuovere un turismo sostenibile. La costante rivitalizzazione dei luoghi e delle comunità è un compito fondamentale della Provincia di Padova”.

“E’ l’inizio di una nuova storia – hanno aggiunto quelli di Villa Roberti, l’associazione di Brugine che si è aggiudicata il bando per una concessione, intanto, di tre anni – per la comunità locale e per quanti apprezzano il piacere di immergersi nella quiete della Laguna, patrimonio Unesco. L’obiettivo è trasformare il Casone delle Sacche e la Valle Millecampi in un fulcro di interesse paesaggistico e un punto di riferimento per il territorio circostante, promuovendo un turismo sostenibile e la valorizzazione dei prodotti locali. E’ adatto a un turismo slow&green, da vivere con camminate e cicloturismo, perfetto per il birdwatching e la fotografia e per praticare nella vicina spiaggia della Boschettona kitesurf o windsurf, quando la stagione e il vento lo consentono”. “Finalmente la Provincia ha preso in seria considerazione l’area e la sua valorizzazione – ha concluso il sindaco Ettore Lazzaro, – come Comune stiamo preparando il bando per l’affidamento Casoni della Fogolana che intanto per questa estate avranno una gestione provvisioria”.

La Provincia nelle scorse settimane ha anche assegnato il Casone Millecampi. Il cerchio sembra finalmente chiudersi.

Il Casone delle Sacche da aprile ospiterà un servizio di noleggio bici per pedalare tra argini di Laguna e sconfinati campi di asparago e frutteti, un’area attrezzata per picnic, l’Ecomuseo della Laguna e una caffetteria. Saranno proposte ogni domenica esperienze come camminate e bike tour con guida, birdwatching e fotografia naturalistica, oltre ad eventi per famiglie e adulti. Saranno organizzati Corsi di cucina, a partire dai prodotti tipici locali quali l’asparago, il radicchio, le erbe di Laguna. Ospiterà “Residenze di Artista” e Laboratori didattici a tema ambientale. Gli ospiti in visita troveranno un punto Info Point sulla Laguna, in collaborazione con gli uffici Iat e un punto Bike friendly. Sarà aperto nei fine settimana e durante i giorni della rinomata Festa dell’Asparago che si terrà Conche dal 19 aprile (info: casonesacche@villaroberti.com).

Alessandro Cesarato