martedì, 21 Maggio 2024
HomeRodiginoAdriaIl conservatorio Buzzolla di Adria celebra Marco Polo e Puccini

Il conservatorio Buzzolla di Adria celebra Marco Polo e Puccini

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Il prossimo 9 giugno al teatro comunale di Adria arriva “Sogno d’Oriente”

Il Conservatorio Buzzolla di Adria, dopo il successo del galà pucciniano organizzato ad aprile all’auditorium Mecenati, celebrerà la sera del 9 giugno prossimo al teatro comunale “Sogno d’oriente”.

Con inizio alle ore 21, lo spettacolo celebrerà Giacomo Puccini a cent’anni dalla morte e Marco Polo, 700 anni dopo la sua scomparsa. La serata vedrà coinvolti moltissimi studenti del Buzzolla, a partire anche dai più giovani della scuola secondaria di I grado convenzionata, appartenente all’Istituto Comprensivo Adria Due.

L’evento sarà suddiviso in due parti: la prima prevederà l’esecuzione dell’operina “Marco Polo – Il libro delle meraviglie”, composta nel 2017 da Alberto La Rocca, proposta in un nuovissimo allestimento curato dalla regista Monica Stefani, con la collaborazione di Angela Grigolato per le scenografie e del Maestro Carlo Pavese per la preparazione della corposa parte corale. I testi dei 22 quadri musicali, scritti in italiano da Giacobbe Nevio Zanivan, con qualche inserto in cinese e in grammelot (una lingua inventata), sono ispirati a Il Milione di Marco Polo e narrano alcune tappe fondamentali del suo meraviglioso viaggio lungo la Via della Seta nel XIII secolo.

La seconda parte della serata sarà dedicata al grande Maestro lucchese, che tanto amava utilizzare ambientazioni e sonorità esotiche per le sue opere, con l’esecuzione di arie e duetti tratti dai suoi titoli più famosi (Madama Butterfly, Turandot, la Bohème). Si esibiranno gli studenti del Dipartimento di Canto e Teatro Musicale delle classi dei docenti Veronica Simeoni e Simone Alberghini.

L’Orchestra del Conservatorio, diretta dal Maestro Ambrogio De Palma, guiderà questo viaggio musicale unico, arricchito dall’esibizione di studenti cinesi e coordinato dai docenti Claudia Mariano e Alessandro Marcato.

Guendalina Ferro