sabato, 25 Maggio 2024
HomeRubricheCriptovaluteLe 5 migliori criptovalute basate sull’intelligenza artificiale da tenere d’occhio a maggio

Le 5 migliori criptovalute basate sull’intelligenza artificiale da tenere d’occhio a maggio

Tempo di lettura: 3 minuti circa

PUBLISHING PARTNER

Vediamo quali sono le principali criptovalute legate all’IA di questo mese.

Le criptovalute basate sull’intelligenza artificiale stanno riscuotendo un notevole successo, specialmente grazie agli sviluppi tecnologici legati all’IA e al suo utilizzo per l’analisi degli asset.

Nonostante un calo del 10% settimanale, Render (RNDR) rimane una delle principali criptovalute legate all’IA con significativi guadagni annuali, supportata da aggiornamenti importanti come la sua recente integrazione con Coinbase. Tra gli altri asset degni di nota troviamo Bittensor, The Graph, Fetch.AI, SingularityNET e WienerAI.

VAI ALLA PRESALE DI WIENERAI

Render (RNDR)

RNDR è la criptovaluta nativa della Render Network Foundation, un fornitore di soluzioni decentralizzate basate sulla GPU il cui obiettivo è rivoluzionare il processo di creazione digitale.

Render (RNDR) ha subito un calo del 3,90% nell’ultima settimana, ma in generale la criptovaluta è andata molto bene durante l’anno, con una crescita del 280%.

Il valore attuale di RNDR è di 8,02 dollari, mentre secondo i dati di CoinGecko il market cap supera i 3 miliardi di dollari.

Bittensor (TAO)

Bittensor è un protocollo open-source che utilizza la tecnologia blockchain per creare una rete di apprendimento automatico decentralizzata. Il suo token nativo, TAO, consente agli utenti di accedere ai dati all’interno dell’ecosistema in base alle loro esigenze.

L’obiettivo principale del protocollo è creare un mercato per l’intelligenza artificiale in cui consumatori e produttori possano interagire tra loro in modo trasparente.

Il market cap di TAO supera i 2,5 miliardi di dollari, mentre il valore è arrivato a 414 dollari dopo una crescita del 4,91% registrata nelle ultime 24 ore.

The Graph (GRT)

The Graph è un protocollo di indicizzazione decentralizzato, che facilita le query dei dati sulla rete Ethereum. La sua criptovaluta nativa, GRT, aiuta a mantenere l’integrità dei dati all’interno dell’ecosistema.

Applicazioni decentralizzate degne di nota come Uniswap, Aave e Curve utilizzano The Graph per le loro esigenze operative.

The Graph ha fatto notevoli progressi nell’ultimo anno, con una crescita del 103% che ne ha portato il valore sopra gli 0,26 dollari.

Fetch.ai (FET)

Fetch.ai è una piattaforma basata sulla blockchain che sfrutta l’intelligenza artificiale per automatizzare attività quotidiane come la prenotazione di voli, la ricerca di posti auto e l’accesso a vari servizi.

Si tratta della quarta criptovaluta più grande del settore IA, con un market cap 2 miliardi. Il suo valore è diminuito del 8,47% negli ultimi 7 giorni, ma in generale le performance annuali sono state positive, con una crescita del 590%. Al momento, il token FET viene venduto a 2,07 dollari.

SingularityNET (AGIX)

SingularityNET è stata fondata sul principio che l’IA non deve essere esclusiva, ma una risorsa condivisa al servizio dell’umanità.

AGIX è la criptovaluta nativa della piattaforma, utilizzata per supportare le transazioni dell’ecosistema, inclusi premi per i contributori alla rete e pagamenti per servizi IA. L’asset ha un market cap di circa 1 miliardo di dollari, mentre il suo valore si attesta intorno a 0,85 dollari.

WienerAI (WAI)

WienerAI è una meme coin in presale basata su un trading bot IA e sul token nativo WAI. Al momento, il progetto ha raccolto più di 900.000 dollari in presale, con il WAI venduto a 0,000703 dollari.

Il trading bot user-friendly di WienerAI, si rivela ideale per i trader alle prime armi che vogliono scoprire tutto il possibile sul settore degli asset digitali e iniziare a muoversi nel mercato.

Il bot IA potrà rispondere in modo esaustivo a tutte le domande, fornendo analisi e previsioni sulle criptovalute.

VAI ALLA PRESALE DI WIENERAI

 

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA A PAGAMENTO
Give Emotions e la testata La Piazza Web non si assumono alcuna responsabilità per il testo contenuto in questo pubbliredazionale (realizzato dal cliente) e non intendono incentivare alcun tipo di investimento.

Le più lette