sabato, 25 Maggio 2024
HomeRubricheCriptovaluteL’halving di Bitcoin è passato. Che cosa succederà adesso alle altcoin? Ecco...

L’halving di Bitcoin è passato. Che cosa succederà adesso alle altcoin? Ecco cosa ne pensa il noto analista Michael van de Poppe

Tempo di lettura: 4 minuti circa

PUBLISHING PARTNER

Il mercato in questo momento è ribassista. Ma forse non lo stiamo guardando dalla giusta prospettiva. Ecco perché le altcoin si stanno preparando alla riscossa ed è meglio monitorare la situazione con estrema attenzione

Questi primi mesi del 2024 si sono caratterizzati per due eventi estremamente importanti per Bitcoin: il lancio degli ETF Spot e l’halving, che hanno avuto ripercussioni sia sul valore di BTC sia su quello degli altri token.

Un dato che emerge in modo netto è che le altcoin sono scesi di oltre il 60% in tre mesi. Logico dunque domandarsi che cosa succederà ora? A questa domanda ha provato a dare una risposta Michael van de Poppe, CIO e Fondatore di MN Trading Consultancy nonché grande esperto di crypto.

L’andamento dei mercati

Prima di tutto, la situazione dei mercati non può essere definita in modo univoco come ribassista o rialzista; dipende dall’ottica con cui si guardano. Se si considerano i valori in USD, sembra che i mercati non siano in un periodo ribassista, poiché hanno registrato un notevole aumento.

Tuttavia, se si cambia la prospettiva e ci si concentra su BTC come valuta di base, allora sembra che sia arrivato un periodo di “vacche grasse”, poiché molti asset sono fortemente sottovalutati e offrono rendimenti potenzialmente elevati.

Perché è così?

Se si considerano le valutazioni di BTC come punto di riferimento, si può dedurre automaticamente che ci troviamo ancora in un lungo mercato ribassista per le altcoin. Questo si riflette anche nel sentiment attuale, che rimane estremamente negativo poiché il pubblico mostra scarso interesse. Chainlink, per esempio, è stato in un mercato ribassista per tre anni e mezzo mentre Ethereum ha subito una fase ribassista di oltre due anni.

Le valutazioni in BTC sono più significative delle valutazioni in USD in quanto offrono una prospettiva più chiara. Per esempio, se Chainlink è passato da $6 a $12 ma, nello stesso periodo, Bitcoin è salito da $25.000 a $70.000, sarebbe stato più vantaggioso detenere Bitcoin poiché avrebbe generato un ROI più elevato.

L’inversione di tendenza

In questo contesto, con i due succitati grandi eventi che ormai appartengono alla storia delle crypto, è evidente che stia avvenendo un’inversione di tendenza verso le altcoin.

Vediamo perché:

  • Per prima cosa, l’entusiasmo per gli ETF Spot di Bitcoin si è dissolto: ha catturato l’attenzione, certo, ma alla fine ha perso di rilevanza. Questo però non significa che, nel corso degli anni a venire, l’ETF continuerà comunque a fornire liquidità.
  • In secondo luogo, l’halving, ovvero l’evento più grande nella storia di Bitcoin, è passato e, storicamente, dopo la sua conclusione l’attenzione comincia a spostarsi verso le altcoin. Al momento sembrerebbe che non stia ancora accadendo ma, in realtà, poiché ETH sta superando gli 0,05 BTC e ha raggiunto il livello di prezzo più alto in tre settimane, significa che l’interesse si sta spostando.

Un altro punto da considerare è che ci sono i presupposti affinché questo ciclo duri più a lungo rispetto al precedente. Per queste ragioni:

  • Per innescare la crescita dei mercati è necessaria una maggiore liquidità. Man mano che la capitalizzazione di mercato aumenta, cresce anche la necessità di liquidità per influenzare i movimenti di mercato. In questa situazione, la volatilità è destinata a diminuire gradualmente, indicando che Bitcoin potrebbe entrare in un ciclo più lungo.
  • I mercati ribassisti tendono a essere più lunghi dei cicli precedenti, il che significa che è probabile che anche quelli rialzisti saranno più lunghi. Nel 2016/2017 Ethereum è stato in un mercato ribassista per 9 mesi, il successivo mercato rialzista è stato di 7 mesi. Dopo 2 anni di mercato ribassista, 2 anni di mercato rialzista. In questo momento: quasi 3 anni di mercato ribassista e probabilmente 3 o più anni di mercato rialzista. Le narrazioni si stanno ampliando, quindi ci si aspetta un impatto più significativo nel prossimo futuro.

Ora, cosa significa tutto questo? Considerando le valutazioni di BTC delle altcoin, si osserva un calo del 70% rispetto a gennaio. Il sentiment è ai minimi termini, pertanto questo è il momento ideale per investire nelle altcoin, specialmente notando come Ethereum abbia iniziato a invertire la tendenza e probabilmente avrà un mese di maggio molto positivo.

La meme coin che paga per imparare

Tra le altcoin da tenere in considerazione c’è anche quella appena lanciata da 99Bitcoins, un pioniere nell’educazione digitale che sta rivoluzionando l’apprendimento delle crypto con il suo innovativo sistema ‘impara-per-guadagnare’.

Gli utenti, infatti, interagiscono con i vari moduli educativi proposti dalla piattaforma e guadagnano token $99BTC, aumentando contemporaneamente sia le proprie conoscenze sia le proprie finanze.

La prevendita in corso sta generando un interesse considerevole, sia perché offre l’opportunità agli investitori precoci di acquisire $99BTC al prezzo di soli $0,00102 sia per il potenziale per rendimenti sostanziali mentre l’ecosistema si sviluppa.

Questi token non fungono solo da meccanismo per le ricompense ma forniscono anche accesso a contenuti esclusivi e benefici aggiuntivi per la comunità. Al momento, sono già stati raccolti complessivamente $949.919 ma il tempismo è essenziale, poiché rimangono solo pochi giorni prima del prossimo aumento di prezzo.

Vai alla prevendita di 99Bitcoins 

 

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA A PAGAMENTO
Give Emotions e la testata La Piazza Web non si assumono alcuna responsabilità per il testo contenuto in questo pubbliredazionale (realizzato dal cliente) e non intendono incentivare alcun tipo di investimento.

Le più lette