venerdì, 17 Maggio 2024
HomeBreaking NewsPorti di Venezia e Chioggia, ratificato il Venice Blue Flag, obiettivo ridurre...

Porti di Venezia e Chioggia, ratificato il Venice Blue Flag, obiettivo ridurre le emissioni

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Le compagnie crocieristiche si impegnano ad utilizzare combustibili meno inquinanti prima di accedere nei porti

Siglato a Ca’ Farsetti il Venice Blue Flag, l’accordo finalizzato a ridurre l’impatto di emissioni in atmosfera da parte delle navi da crociera che arrivano ed ormeggiano nei porti della laguna di Venezia e di Chioggia. Presenti l’assessore all’ambiente del Comune di Venezia Massimiliano De Martin, il sindaco di Chioggia Mauro Armelao, il direttore marittimo del Veneto – comandante del Porto di Venezia, il comandante della Capitaneria di Porto di Chioggia, il presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico settentrionale Fulvio Lino Di Blasio e i rappresentanti di 29 compagnie crocieristiche.

Gli impegni controfirmati dalle compagnie prevedono l’utilizzo di combustibile per uso marittimo con tenore di zolfo non superiore allo 0,1% in massa al momento dell’ormeggio, durante la navigazione prima dell’ingresso in area VTS Venezia e in ogni fase di manovra all’interno dell’area portuale di Venezia, Marghera e Chioggia.

L’accordo, ratificato per la tredicesima volta che resta volontario e che durerà per un anno intero, ha assunto un valore rilevante soprattutto a seguito del nuovo contesto, modificato dalle limitazioni al traffico crocieristico nel Bacino di San Marco e nel Canale della Giudecca, introdotte dal Decreto-Legge 20 luglio 2021, n. 103, che ha portato Venezia e il sistema portuale veneto a costruire un nuovo modello di crocieristica, che deve contemperare le esigenze di sostenibilità ambientale e salvaguardia della laguna con quelle di tutela del lavoro e dello sviluppo economico. Nel 2023 i crocieristi sono stati 545mila, per quest’anno si prevede un aumento del 5%.

Riccardo Musacco