sabato, 25 Maggio 2024
HomeVenezianoVeneziaPulizia e igiene delle mani, una campagna di sensibilizzazione della Ulss 3...

Pulizia e igiene delle mani, una campagna di sensibilizzazione della Ulss 3 Serenissima

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Nelle sedi sanitarie e anche negli Ospedali, gli operatori testano la completezza della pulizia effettuata dagli utenti e forniscono consigli

La pulizia delle mani, un gesto che facciamo tutti i giorni ma spesso non ne viene considerata appieno l’importanza, nonostante l’insegnamento che i mesi trascorsi in pandemia ci ha trasmesso. Gli operatori della Ulss 3 Serenissima, in questi giorni, stanno sensibilizzando gli utenti su questo tema per evidenziare a tutti l’importanza di questa pratica igienica e per illustrare come compierla in modo efficace.

A supporto di questo programma è stato utilizzato uno speciale scanner in grado di misurare l’accuratezza e la completezza della pulizia effettuata e di segnalare se ed in che misura essa è stata incompleta, fornendo una precisa mappatura del risultato.
Questa nuova strumentazione in grado di rilevare le zone che, pur dopo il lavaggio, sono rimaste non completamente igienizzate, è stata messa a disposizione anche per le dimostrazioni con gli utenti di passaggio negli Ospedali del veneziano.

“In ambito sanitario – ricorda il dottor Giovanni Carretta Direttore sanitario dell’Ulss 3 Serenissima – l’igiene delle mani è particolarmente importante e richiede una specifica conoscenza. La prevenzione delle infezioni ospedaliere si fonda, infatti, anche su una piena e corretta conoscenza dell’importanza di questo gesto; e ridurre le infezioni significa ridurre mediamente i tempi di ospedalizzazione ed aumentare la sicurezza e la qualità delle cure erogate. Così, per sollecitare noi stessi alle migliori pratiche, nelle scorse settimane abbiamo ripetuto, nelle nostre sedi, quel programma di azioni di sensibilizzazione, di verifica e formazione che già in passato e con costanza abbiamo rivolto agli operatori sanitari delle nostre strutture”.

Riccardo Musacco