domenica, 19 Maggio 2024
HomePadovanoBassa PadovanaUn documentario racconta la magia del microcosmo dei Colli Euganei

Un documentario racconta la magia del microcosmo dei Colli Euganei

Tempo di lettura: 2 minuti circa

L’opera è stata presentata a Villa Draghi e sta già ottenendo un grande successo nei festival cinematografici italiani ed internazionali

Cervi volanti, scarabei, mantidi e farfalle, specie rare e paesaggi incantati. Questo è “Il MicroCosmo dei Colli Euganei”, il documentario, prodotto da Butterfly Arc e diretto da Enzo Moretto e Gianluca Doremi, nato con l’intento di contribuire alla Carta Europea del Turismo Sostenibile del Parco dei Colli Euganei e di valorizzare il patrimonio come Sito Mab Unesco.

L’opera è stata presentata a Villa Draghi e sta già ottenendo un grande successo nei festival cinematografici italiani ed internazionali. Il regista Gianluca Doremi, appassionato di lepidotteri ed insetti, che ha alle spalle la regia di opere importanti, offre uno sguardo senza precedenti sul mondo affascinante e spesso misconosciuto degli insetti e dei piccoli animali che popolano il parco, sottolineando la loro importanza cruciale per la biodiversità.

“Il Parco dei Colli Euganei non è soltanto un ambiente naturale, ma un luogo di convivenza armoniosa tra l’uomo e la natura, dove la storia e l’archeologia si fondono con la bellezza della biodiversità”, spiega Enzo Moretto di Butterfly Arc, la casa delle farfalle di Montegrotto Terme. “Vengono presentati alcuni degli organismi più iconici e simbolici della natura, tra cui cervi volanti, scarabei, mantidi e farfalle, insieme a specie rare e appena scoperte da giovani naturalisti”, aggiunge il naturalista.

Tra queste scoperte spiccano la recente identificazione della ninfa del corbezzolo, una delle farfalle più belle d’Europa e la stregona dentellata, una rarissima cavalletta gigante carnivora. Il documentario evidenzia non solo la bellezza e la poesia della natura, ma anche la sinergia e la coesistenza che caratterizzano il territorio dei Colli Euganei, rendendolo un luogo unico di incontro tra l’uomo e la forza della natura.

Giada Zandonà