martedì, 21 Maggio 2024
HomePadovanoPadova NordVigodarzere, piace la mensa scolastica “bio” e e a chilometri zero

Vigodarzere, piace la mensa scolastica “bio” e e a chilometri zero

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Grazie al fatto di essere biologica, la mensa scolastica di Vigodarzere ha recentemente ottenuto dalla Regione Veneto un contributo economico

Dalla carne bovina e avicola fino a frutta, verdura, cereali e legumi, tutti prodotti rigorosamente biologici e possibilmente locali e a chilometri zero. Piace la mensa scolastica “bio” di Vigodarzere tanto che l’amministrazione comunale ha deciso di applicare una settimana di sconto alle famiglie che aderiscono al servizio.

Grazie al fatto di essere biologica, la mensa scolastica di Vigodarzere ha, infatti, recentemente ottenuto dalla Regione Veneto un contributo economico, che il Comune ha scelto di devolvere come forma di scontistica straordinaria alle famiglie. Per ogni alunno i genitori riceveranno un accredito di circa 20 euro, pari a circa cinque pasti consumati dai loro figli in mensa (ogni buono pasto costa alle famiglie 3,90  euro, che si riduce a 3,30 euro per i figli successivi al primo).

“Si tratta di un piccolo, importante segnale – ha dichiarato con soddisfazione il sindaco Adolfo Zordan  –, ma che spero risulti gradito alle famiglie. Un riconoscimento che ci riempie di soddisfazione perché avere una mensa biologica, riconosciuta anche a livello regionale, significa che offriamo ai nostri ragazzi prodotti sani, legati al nostro territorio”.

Il servizio di refezione scolastica a Vigodarzere è gestito dalla ditta Sodexo. Agli alunni vengono somministrati pasti equilibrati da un punto di vista nutrizionistico. I menu sono organizzati da una nutrizionista esperta in alimentazione rivolta ai bambini in età scolare. Nella preparazione dei pasti vengono utilizzati per lo più prodotti a km zero e a filiera corta, prediligendo carne bovina e avicola, come anche frutta, verdura, cereali e legumi, provenienti da coltivazione biologica.

“Questa precisa caratteristica di prodotti derivanti da coltivazione biologica – aggiunge l’assessore all’Istruzione Katia Bano – ha permesso al Comune di Vigodarzere di essere destinatario di un contributo che la Regione Veneto ha erogato a favore dei Comuni che forniscono un servizio mensa scolastica biologico. Il contributo ammonta a 7.864,18 euro, che diviso per i circa 400 alunni che pranzano a scuola, determinano un beneficio una tantum alle famiglie di 19.66 euro”.

Nei plessi Il Comune fornisce, inoltre,  servizi integrativi come, per tutte le scuole primarie, il pre-scuola dalle 7.25 alle 7.55: solo per Terraglione: sorveglianza mensa, doposcuola il lunedì e mercoledì, corso d’inglese il giovedì e attività motoria il venerdì. Questi servizi integrativi scolastici sono a pagamento, fatta eccezione per il doposcuola, che è gratuito. (g.b.)