mercoledì, 24 Aprile 2024
HomeVeronaA Verona è vietata la raccolta itinerante di firme e fondi ...

A Verona è vietata la raccolta itinerante di firme e fondi fino a fine settembre

Tempo di lettura: 2 minuti circa

La decisione è stata presa dall’Amministrazione per garantire la sicurezza urbana a fronte della forte ripresa delle attività turistiche in tutto il territorio di Verona.

È stata firmata l’ordinanza sindacale che vieta fino al 29 settembre 2024 compreso, su tutto il territorio del Comune di Verona, le attività di raccolta fondi, sottoscrizioni o simili, a favore di Associazioni od Organizzazioni di qualsiasi specie, effettuate in forma itinerante, cioè fermando i passanti od interponendosi sulla loro strada.

Il provvedimento – spiega l’Amministrazione scaligera in una nota stampa – è stato preso per garantire la sicurezza urbana anche a seguito della forte ripresa delle attività turistiche in tutto il territorio comunale, e lo svolgimento di eventi in centro storico durante i prossimi mesi primaverili ed estivi come il Vinitaly, il Bacanal del Gnoco, la visita del Santo Padre, i tanti concerti in Arena di musica lirica ed extra lirica a cui ai aggiungono molte altre di manifestazioni che richiamano numeroso pubblico.

Da Palazzo Barbieri spiegano che “il fenomeno della raccolta itinerante di fondi, con molestia ai passanti, sia recente e di natura transitoria, ma deve essere allo stesso tempo essere oggetto di attenzione per le problematiche di sicurezza urbana che può comportare”. Spesso, infatti, è accompagnato da liti e risse tra gli addetti alla raccolta e i cittadini loro malgrado coinvolti, con rischi sia per l’incolumità fisica delle persone. È dunque necessario adottare dei provvedimenti per controllare il fenomeno della raccolta itinerante e sistematica di fondi o di altre utilità, soprattutto per tutelare la buona fede delle persone ed i principi costituzionali di solidarietà sociale.

L’attività illecita si concentra in particolare nelle vie principali del centro storico, in fiera, davanti agli ingressi agli ospedali, alle case di cura, alle stazioni, nei mercati, alle fermate degli autobus urbani ed extraurbani ed in altri analoghi luoghi dove c’è maggiore afflusso di persone.

Come segnalato anche dai cittadini, gli operatori itineranti si approcciano alle persone inseguendole, richiamandole ad alta voce o interponendosi sulla loro strada, suscitando spesso reazioni di fastidio e protesta. Episodi che si sono verificati anche nella zona nella zona della Stazione di Verona Porta Nuova, di corso Porta Nuova, piazza Bra, piazza Erbe, corso Portoni Borsari e Corso Santa Anastasia, zona Ospedale Borgo Trento e Ospedale Borgo Roma, dove sono stati segnalati giovani provenienti anche da fuori Verona.

La multa

In caso di violazione dell’ordinanza è prevista una sanzione da 25 a 500 euro, con facoltà per il trasgressore di estinguere l’illecito mediante il pagamento, in misura ridotta, di 50 euro. Inoltre saranno confiscati i proventi della violazione ed eventuali attrezzature impiegate nell’attività.