Rovigo: le giostre restano al Censer (per ora)

Il luna park resta al Censer. L’idea di spostare il cuore della Fiera d’Ottobre in zona Commenda non è piaciuta per niente. Tutto è partito lo scorso luglio, quando gli “inquilini” del Censer hanno segnalato al Comune di Rovigo l’incapacità di proseguire con le normali attività lavorative a causa della confusione e del traffico create dalla presenza del luna park, chiedendo quindi una soluzione al problema. La risposta quasi immediata dell’amministrazione è stata la proposta di trasferire il tutto in zona Commenda, tra il palazzetto dello sport di via Bramante e lo stadio Battaglini in viale della Costituzione, proposta dell’assessore agli Eventi, Luigi Paulon. Tale proposta però non aveva convinto le associazioni dei commercianti che, ignari di tali lamentele, avevano chiesto una riunione con il sindaco Massimo Bergamin.

“Lì dentro non ci stiamo – aveva subito evidenziato perplesso Patrizio Stacchio, rappresentante dei giostrai -. A ottobre il flusso di persone al luna park è consistente. Si parla di migliaia di persone. Per le giostre, ci vogliono circa 13-14mila metri quadrati. Un ottovolante richiede 700 metri quadrati, un autoscontro, invece, ha bisogno di 500-600 metri quadri. Sono circa 50 le giostre che vengono montate durante l’Ottobre rodigino e bisogna anche contare gli spazi di sicurezza tra una installazione e l’altra”. Accettare quindi una proposta simile era impensabile. Il sindaco Massimo Bergamin e l’amministratore unico del Censer, Giuseppe Toffoli, in accordo, hanno convenuto quindi di confermare lo svolgimento del luna park della Fiera di Ottobre di Rovigo presso la zona Censer, almeno per ora.

È stata confermata, infatti, la comune volontà di individuare, in un prossimo futuro, una soluzione alternativa al luogo del Censer dove posizionare gli spettacoli viaggianti della fiera di primavera e di Ottobre, che possa rispondere agli interessi della cittadinanza, delle istituzioni e dei professionisti del luna park.

Serena Di Santo

Lascia un commento