Home Padovano Rifiuti, a Pontelongo si pagherà di meno

Rifiuti, a Pontelongo si pagherà di meno

Il sindaco annuncia l’accordo del Comune con Sesa: “A parità di utenza i cittadini beneficeranno di una diminuzione del costo tra il 10% e il 12%”. L’opposizione: “In questa trattativa ci sono anomalie che abbiamo segnalato”

Tassa rifiuti
Tassa rifiuti

“Dopo anni di continui aumenti i pontelongani pagheranno meno caro questo essenziale servizio”. Sono queste le parole del sindaco Roberto Franco nell’annunciare l’accordo raggiunto dal Comune con Sesa per il servizio di raccolta dei rifiuti.

“Tutti gli utenti – spiega il sindaco – beneficeranno di una diminuzione del costo tra il 10% e il 12% rispetto all’anno scorso a parità di utenza. Per gli importi superiori ai 75 euro la bolletta potrà essere rateizzata fino a 4 rate. Le utenze domestiche familiari pagheranno di fatto la tassa e su essa non si calcolerà più il 10% dell’Iva come nel passato. Per le utenze non domestiche (negozi, esercizi pubblici, aziende) resta in vigore la tariffa con l’Iva detraibile del 10%”.

L’amministrazione comunale rivendica anche altri benefici derivati dalla trattativa. “Per la prima volta – aggiunge Franco – abbiamo evitato che l’ammontare degli insoluti (pari al 9,6% del costo complessivo del servizio), si scarichi sui cittadini che pagano con regolarità.

Avremo ora la possibilità di controllare direttamente chi non paga e di intervenire. Si è poi concordata una gestione più vantaggiosa ed economica di alcuni servizi come la raccolta del verde, pulizia delle caditoie e tombini, la pulizia delle strade, la disinfestazione e lo svuotamento cestini. Si tratta di un importante risultato, ottenuto stabilendo un rapporto diretto e chiaro con Sesa”.

In consiglio comunale i gruppi di opposizione di “Insieme per Pontelongo” e “Per Pontelongo”, al momento di votare il Piano finanziario, hanno però polemicamente lasciato l’aula.

“Vogliamo ribadire – hanno detto i consiglieri Lisa Bregantin e Ilenia Desolei – che siamo assolutamente favorevole a delle trattative per una riduzione della Tari, ma con il soggetto giusto, nel rispetto della legge e soprattutto nella trasparenza della loro conduzione. In questa trattativa ci sono delle evidenti anomalie che abbiamo prontamente evidenziato”.

Alessandro Cesarato

Le più lette