lunedì, 15 Aprile 2024
HomeVicentinoBassanoOmicidio a Marostica, paziente psichiatrica di una "casa sociale" accoltella e uccide...

Omicidio a Marostica, paziente psichiatrica di una “casa sociale” accoltella e uccide un’altra paziente

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Sull’omicidio a Marostica l’Ulss precisa: “Mai emersi problemi. L’ultimo ricovero dell’omicida è di vent’anni fa”

Un’immagine della piazza di Marostica

Omicidio in un appartamento sociale a Marostica, che si trova in via del Lavoro. La casa ospita persone con problemi psichiatrici. Secondo una prima ricostruzione, attorno alle 12.50 una donna ospite della casa ha ucciso a coltellate un’altra paziente. L’allarme è stato dato dagli stessi operatori. I carabinieri, quando sono arrivati, hanno trovato la donna con le mani e i vestiti sporchi di sangue. E l’hanno subito fermata.

Sull’episodio è da registrare una nota dell’Ulss 7. “Le persone coinvolte erano seguite da molti anni dal dipartimento di salute mentale dell’Ulss 7 – spiega la nota – e da circa due anni, a fronte di una situazione stabilizzata, vivevano in un appartamento sociale gestito dalla cooperativa sociale “Un segno di pace”. Nel caso specifico, l’Ulss 7 garantisce – come in molte altre situazioni analoghe – il monitoraggio delle condizioni degli ospiti dell’appartamento sociale attraverso un controllo sanitario costante, mediante più visite la settimana da parte di un operatore sanitario; inoltre le ospiti dell’appartamento venivano regolarmente sottoposte a visita psichiatrica, con cadenza mensile. In passato non erano mai emersi elementi di aggressività o di tensione particolare – prosegue la nota – tanto è vero che l’ultimo ricovero dell’autrice dell’aggressione risale a quasi vent’anni fa – e lo stesso è risultato nell’ultima visita effettuata da parte dell’operatore proprio questa mattina poche ore prima dei fatti”.