mercoledì, 28 Febbraio 2024
 
HomeVenezianoVeneziaContinua a Mestre e Marghera il programma Oculus della Polizia Locale per...

Continua a Mestre e Marghera il programma Oculus della Polizia Locale per riqualificare gli edifici abbandonati

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Gli agenti della Polizia Locale di Venezia impegnati in terraferma per lo sgombero di edifici occupati abusivamente

Prosegue nella terraferma veneziana “Oculus”, il programma della Polizia Locale per riqualificare gli edifici abbandonati. Nei giorni scorsi è stato effettuato lo sgombero del sottopasso Santa Maria dei Battuti, in via Giovanni da Verrazzano,
con la rimozione assieme a Veritas di alcuni bivacchi e la sistemazione della recinzione.

Un altro sgombero è stato effettuato nell’area del Comune destinata a studentato, ex ambulatorio ULSS 12 a Mestre, in via Torino 153, dove è stata riscontrata la presenza di due soggetti, uno di nazionalità italiana e uno di nazionalità colombiana. E’ stato inoltre effettuato, prima della loro demolizione, lo sgombero delle casette comunali ubicate in Piazza del Mercato.

Sopralluoghi sono stati effettuati nel fabbricato abbandonato a Mestre in via Forte Marghera 241, di proprietà dell’Agenzia del Demanio, nell’ edificio ex Unicredit, in via Forte Marghera 101, di privata proprietà, all’ex asilo Sacro Cuore a Marghera, in piazza Sant’Antonio 16, di proprietà dell’ULSS 3 Serenissima, dove sono iniziati i lavori di riqualificazione dell’area e l’ex auditorium Plip (Palaplip), di proprietà del Comune di Venezia.

Un ulteriore controllo è stato effettuato nell’area verde situata nel retro del cinema teatro Aurora a Marghera in via Padre Egidio Gelain, oggetto di intrusione di soggetti non autorizzati intenti al consumo di sostanze stupefacenti.

“Proseguono in modo costante e sistematico gli interventi del programma Oculus, condotti dai nostri agenti del Servizio Sicurezza Urbana, con l’obiettivo di contrastare il degrado e promuovere la legalità – spiega l’assessore alla Sicurezza, Elisabetta Pesce
Questi interventi mirati sono volti a rendere la nostra città un luogo più sicuro per tutti.
Un sentito riconoscimento va ai nostri agenti per il lavoro svolto.”

 
 
 

Le più lette