venerdì, 23 Febbraio 2024
 
HomeSalutePortogruaro, operato per la frattura del femore a 106 anni

Portogruaro, operato per la frattura del femore a 106 anni

Tempo di lettura: 2 minuti circa

L’uomo è stato operato nel reparto di Ortopedia dell’ospedale di Portogruaro e dopo due giorni ha ripreso a camminare

Si frattura il femore e all’età di 106 anni viene operato, tornando a rimettersi in piedi dopo due giorni. Una storia che racconta la tempra dell’uomo, ma anche la professionalità dell’equipe di Ortopedia che lo ha curato. Accade a Portogruaro e il protagonista è il signor Antonio Bragato, che ad aprile compirà 107 anni. Ricoverato sabato scorso in ospedale per la frattura del femore, è stato sottoposto a un intervento chirurgico superato senza problemi e a breve rientrerà a casa in buona salute.

Il dottor Stefano Saggin, nuovo direttore dell’Ortopedia di Portogruaro, spiega i dettagli del singolare evento: “Gli interventi chirurgici che interessano persone ultracentenarie sono decisamente pochi, in questo caso ci siamo trovati di fronte a una vera forza della natura, sia dal punto di vista fisico che mentale”.

“Il signor Bragato non intendeva certo rinunciare alla mobilità per la frattura del femore – continua il dottor Saggin – ha affrontato con determinazione l’intervento e a distanza di due giorni lo abbiamo rimesso in piedi. L’equipe di ortopedia lo ha seguito egregiamente sin dal primo giorno di ricovero, le sue condizioni fisiche sono tutt’ora buone quindi a breve verrà dimesso e poi dovrà fare della riabilitazione per riprendere le funzionalità dell’arto”.

La storia di Antonio Bragato, fu prigioniero in un campo di concentramento

Il dottor Saggin ha preso le redini dell’ortopedia di Portogruaro dopo la quiescenza del dottor Luigino Turchetto. L’intervento chirurgico all’ultracentenario conferma l’elevato standard delle attività svolte in questa unità operativa. Lo conferma anche il Piano Nazionale Esiti (PNE) 2023, osservatorio del Ministero della Salute sull’assistenza fornita dalle strutture ospedaliere nazionali, pubbliche e private, che ha posto l’ospedale di Portogruaro nella classifica dei migliori in Italia per il “livello di qualità molto alto” nell’area osteomuscolare che ha come riferimento gli interventi di anca, femore e ginocchio.

Antonio Bragato, classe 1917, residente a Portogruaro, padre di 4 figli, era stato chiamato alle armi nel 1939 e addestrato come mitragliere. Durante la Seconda Guerra Mondiale combatté sul fronte jugoslavo dove fu ferito e trascorse poi 40 giorni all’ospedale di Fiume. Nel 1943 fu nuovamente mandato sul fronte jugoslavo dove venne catturato dai tedeschi (prima alleati poi nemici) e portato in un campo di concentramento a Heilbronn nei pressi di Stoccarda dove vi rimase fino all’arrivo delle milizie americane che lo liberarono al termine del conflitto mondiale.

 
 
 

Le più lette