mercoledì, 22 Maggio 2024
HomePadovanoPadova NordGiù la torre centrale del Parco della Repubblica di Cadoneghe, avanti con...

Giù la torre centrale del Parco della Repubblica di Cadoneghe, avanti con la riqualificazione dell’area

Tempo di lettura: 2 minuti circa

“Dopo un’attenta analisi, alla fine abbiamo deciso di rimuovere tutta la struttura in cemento perché ci siamo resi conto della fragilità della struttura”

Parco della Repubblica: al via la demolizione della torre centrale. Come previsto dal cronoprogramma dell’intervento di riqualificazione dell’area verde di via Vivaldi, sono stati avviati i lavori per la rimozione della torre di cemento e ferro che si trova al centro del parco di Cadoneghe. Il manufatto risale alla metà degli anni ’80 ed è diventato, col passare degli anni, fatiscente e pericolosa.

“Dopo un’attenta analisi, alla fine abbiamo deciso di rimuovere tutta la struttura in cemento perché, appena gli operai hanno cominciato a togliere i ferri che la contornavano – spiega il vicesindaco Devis Vigolo -, si sono resi conto della fragilità della struttura, ammalorata dagli anni e da una non adeguata manutenzione, e questo ne ha determinato l’instabilità. Ora gli uffici, sospendendo il cantiere per qualche giorno, procederanno alla perizia di valutazione interna, che ne determinerà la demolizione. Inoltre è stato riscontrato che le sporgenze a sbalzo sono vuote”. 

Il Parco della Repubblica era stato chiuso al pubblico dallo scorso 29 gennaio per consentire l’avvio del cantiere che darà nuova vita e nuova immagine all’area verde, grazie al piano di recupero e riqualificazione approvato dall’amministrazione comunale che ha approvato una variazione di bilancio da 260 mila euro suddivisa in tre capitoli per la realizzazione dell’intervento. In seguito a un accurato sopralluogo sullo stato di manutenzione del parco, sono stati individuati una serie di interventi urgenti di recupero del parco che seguiranno un altrettanto preciso cronoprogramma. Gli operai sono partiti con la rimozione delle alberature ammalorate e pericolanti, e la contestuale potatura degli alberi che necessitavano di manutenzione. Successivamente, a febbraio, è partita la riqualificazione del patrimonio arboreo e arbustivo con la messa a dimora di nuovi alberature. La terza fase prevedeva la demolizione del muro perimetrale, ma su questo aspetto l’amministrazione comunale, raccogliendo le istanze di residenti e cittadini, si è riservata del tempo per valutare una soluzione alternativa che consenta comunque la recinzione del parco. Nell’elenco delle opere da realizzare previste dal piano di ristrutturazione c’è anche la sistemazione del modulo prefabbricato che sarà adibito a servizi igienici e locale deposito. Infine, a completamento del lavoro di ristrutturazione, saranno eliminate le strutture ludiche danneggiate presenti con la fornitura e la posa di una nuova giostrina.

“Finora  il programma dei lavori ha rispettato il calendario prefissato – conclude –, se non ci saranno intoppi o eventi legati al maltempo il parco dovrebbe essere pronto per riaprire in aprile. Il Parco della Repubblica è una delle maggiori aree verdi del nostro territorio e questo progetto di recupero e sistemazione rivoluzionerà questo spazio verde, sposando appieno la nostra filosofia dedicata alla rigenerazione urbana e al recupero del verde”. (n.m.)