mercoledì, 24 Aprile 2024
HomeRodiginoDeltaStienta messa in sicurezza: dalla Regione 1,2 milioni di euro per la...

Stienta messa in sicurezza: dalla Regione 1,2 milioni di euro per la difesa spondale del Delta

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Grazie al finanziamento del PNRR, l’Agenzia Interregionale per il Po sta realizzando un importante intervento sull’argine sinistro del Grande Fiume a Stienta in provincia di Rovigo che terminerà a giugno

Dalla Regione Veneto, grazie ai fondi Pnrr, 1,2 milioni di euro per mettere in sicurezza l’asse del tratto fluviale del Po, vicino all’abitato di Stienta ad ovest del capoluogo di Rovigo.

La zona, infatti, vede la costante esposizione di una porzione dell’arginatura al principale flusso della corrente del Grande Fiume e, nel tempo, proprio per questo tratto, in conseguenza a questo assetto geometrico, ha progressivamente mostrato diverse criticità idrauliche, in particolare fenomeni ripetuti di erosioni di sponda caratterizzati da alcuni franamenti. Nel corso degli ultimi anni, con il susseguirsi delle piene del Po, in prossimità dell’abitato di Stienta, si è verificato un cambiamento rilevante dell’assetto morfologico del fondo-alveo, oggi particolarmente dinamico: i depositi non sono ancora stabili ed il loro movimento può generare condizioni di maggior rischio per le difese spondali dell’intera arginatura.

Per queste ragioni idrauliche e per fornire una risposta concreta a questa tipologia di problematiche, tipiche del delta del Po, su interessamento dell’assessore regionale all’Ambiente, Clima, Protezione civile e Dissesto idrogeologico, Gianpaolo Bottacin, membro del Comitato d’indirizzo di AIPo, la Regione ha consentito ad AIPo di dare il via ai lavori (che oggi hanno già superato il 50% del completamento e si concluderanno il prossimo giugno) volti a realizzare un intervento mirato che prevede il ripristino dell’arginatura con relativo incremento dei livelli di difesa idraulica della sponda.

Si sta realizzando un tratto di palificata della lunghezza di un centinaio di metri dotata di pali di 12 metri mentre, più a valle, si effettuerà una sistemazione del paramento in pietrame. Per tutti gli interventi, il progetto prevede il livellamento dell’abbassamento venuto a crearsi sulla sponda e la regolarizzazione della scarpata con il ripristino della difesa sempre grazie al posizionamento di pietrame per il consolidamento.

Questi interventi realizzati da AIPo grazie al lavoro dell’Ufficio Operativo di Rovigo – coordinato dal dirigente Ettore Alberani e dalla responsabile di procedimento Elena Munerati – potranno così garantire l’adeguato livello di sicurezza all’abitato di Stienta.