Noale. Traffico, nuove soluzioni dopo l’estate

centro noaleNessun nuovo piano del traffico a Noale nel breve periodo: se ne parlerà per la seconda parte dell’anno. Nel frattempo si metteranno in atto alcuni accorgimenti in piazza Castello, ma per l’intervento più sostanzioso ci sarà ancora da aspettare. “Non possiamo rivedere il piano viario a colpi di ordinanze – spiega il sindaco Patrizia Andreotti – ma vogliamo avere in mano una proposta che duri nel tempo. Ad esempio, in previsione del realizzo del sottopasso di via Ongari, vorremmo capire quanti veicoli da via dei Novale andranno verso il nord del comune e chi proseguirà verso il centro storico”. A causare il ritardo è stata la volontà di consultare uno studio di professionisti che analizzi i flussi di traffico e indichi quali sviluppi potrebbe avere con la nuova area commerciale-direzionale in via dei Novale e il sottopasso di via Ongari. Nei prossimi mesi che succederà? “Intanto potremmo istituire i parcheggi veloci – continua Andreotti – e pedonalizzare la piazza con l’arrivo della bella stagione”. Nei mesi scorsi erano stati analizzati sei progetti redatti da un gruppo incaricato di seguire le fasi, e ne erano uscite diverse soluzioni, messe nero su bianco nell’atto d’indirizzo. La maggioranza vuole rivedere quanto fatto cinque anni fa dall’ex sindaco Michele Celeghin, che non aveva convinto soprattutto i commercianti del centro storico. Si intende ripristinare il collegamento tra piazza XX Settembre e piazza Castello e invertire l’attuale senso unico su via Polanzani, ovvero i mezzi arriverebbero da Largo San Giorgio per entrare nella strada che conduce a Salzano e non viceversa come ora. Sullo stesso Largo San Giorgio, si vuole togliere lo “stop” all’altezza di via Sant’Andrea per costruire una piccola rotonda. E poi spazio a percorsi ciclabili dalla rotatoria di via dei Novale (Despar) e la ciclabile di via Polanzani, fino al parcheggio di via Vecellio passando per le due piazze. Insomma si tratta di interventi che la cittadinanza attende da tempo.

Alessandro Ragazzo

Lascia un commento