Turismo all’insegna della cultura a Zero Branco

Uno dei siti più caratteristici di Zero Branco, Villa Albuzio, ha fatto cornice ad una serata fatta di buona musica e giovani talenti del territorio grazie all’organizzazione “Le dimore del quartetto”

Per il secondo anno di fila, Villa Albuzio ha fatto da scenario ad una delle date in programma dell’organizzazione “Le dimore del quartetto”.

Quest’ultima nasce per sostenere i giovani quartetti d’archi all’inizio della loro carriera, esaltando al tempo stesso alcune tra le più belle dimore culturali presenti nel territorio.

“Le dimore del quartetto” collaborano infatti sia con Adsi (Associazione Dimore Storiche Italiane), sia con il Fai (Fondo Ambiente Italiano) e European Historic Houses, per unire la promozione di posti storici e suggestivi, ma solitamente inutilizzabili, alla formazione di giovani talenti, creando così una cultura sostenibile.

Ad esibirsi in concerto, il 2 agosto, è stato il Quartetto Echos composto da Andrea Maffolini e Ida Di Vita al violino, Giorgia Lenzo alla viola e Martino Maina al violoncello. Nato nel 2013 al Conservatorio Verdi di Torino, il gruppo decise di intraprendere un duro cammino volto al perfezionamento del loro talento musicale che lo ha portato a studiare tra varie scuola italiane, fino ad essere selezionato come ensemble nella Ecma (European Chamber Music Academy).

Da qui, dopo anni di esibizioni nelle stagioni concertistiche di tutta Italia, è stato selezionato da “Le dimore del quartetto”. Durante la serata sono inoltre state esposte le sculture di un altro giovane artista no, Niccolò Argenti. L’organizzazione, dunque, non guarda solo alla musica, ma all’arte e alla sponsorizzazione di un network di sostegno e innovazione a 360 gradi.

Un nuovo modo di fare turismo di qualità con la cultura, che ha portato a Zero Branco il giusto connubio tra musica classica, giovani talenti e rivalutazione del territorio locale.

Per poter partecipare al progetto si può scegliere tra diverse opportunità: organizzare un concerto privato, regalare un concerto a una scuola o a una comunità, donare una borsa di studio a un Quartetto, fare una donazione libera, oppure proporre una villa o un luogo che si intende rivalorizzare o mettere a disposizione per un evento.

Laura Scapin

Lascia un commento