sabato, 25 Maggio 2024
HomeBreaking NewsAbano Terme: baby gang scatenate, cantieri rumorosi e qualche siepe da tagliare

Abano Terme: baby gang scatenate, cantieri rumorosi e qualche siepe da tagliare

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Sicurezza ad Abano Terme: non ci sono situazioni clamorose, informa l’assessore Ermanno Berti, ma tante piccole criticità segnalate dai cittadini che vanno monitorate e corrette nei comportamenti

Baby gang scatenate anche a fine agosto ad Abano. La Polizia locale ha infatti individuato una ventina di ragazzi nei parchi e un’altra quindicina di minorenni che stavano facendo il bagno nelle fontane di piazza dei Caduti, di fronte al Municipio, nella zona di Abano Storica.

Sono settimane “calde” ad Abano, e non per il clima. La comandante della Municipale aponense, Francesca Aufiero, di comune accordo con l’assessorato alla Sicurezza, ha infatti avviato una serie di controlli a tappeto nel territorio comunale. In particolare, l’attività, sollecitata anche dalle numerose segnalazioni che giungono giornalmente alle centrali di Polizia locale e Carabinieri, ha riguardato il controllo nei parchi cittadini.

“Abbiamo individuato 20 ragazzi che si sono resi protagonisti di situazioni poco consone nei parchi della nostra città – annuncia la comandante Aufiero – Schiamazzi, atti vandalici, uso di sostanze: questo è stato riscontrato dagli agenti nei controlli che hanno interessato a catena tutti i parchi di Abano”.

“Abbiamo girato i nominativi e informato di quanto accaduto anche i Carabinieri, con i quali siamo sempre in stretto contatto – dice ancora la comandante, che rilancia – Abbiamo beccato anche una quindicina di minorenni che facevano il bagno e confusione nelle fontane di piazza dei Caduti, di fronte al Comune. Situazioni incredibili, che vanno da subito stanate”.

Così come vanno stanate le irregolarità nello svolgimento dei lavori all’interno dei cantieri.

“I nostri agenti stanno monitorando anche la situazione riguardante i rumori. Stiamo soprattutto osservando da vicino l’attività che viene svolta nei cantieri negli orari nei quali è vietato fare rumore, ossia dalle 13.30 alle 15.30. Nei vari controlli e richiami che abbiamo effettuato siamo arrivati a sanzionare anche una ditta che stava lavorando in maniera rumorosa nella fascia oraria vietata”.

Ma la Polizia locale, in quella che possiamo definire operazione di “decoro urbano”, non ha tralasciato le abitazioni private.

“Stiamo effettuando controlli su siepi sporgenti ed erba alta, – spiega – controlli che hanno riguardato diverse famiglie. E in molti casi siamo arrivati anche a staccare una prima diffida”. Più di una decina quelle staccate dagli agenti. “Una volta ricevuta la diffida, se non ci si mette in regola scatta la sanzione”.

“Ringrazio gli agenti per il lavoro svolto”, dichiara l’assessore alla Sicurezza, Ermanno Berto. “Si tratta di un’importante attività di prevenzione che abbiamo messo in campo per fronteggiare le varie situazioni che ci venivano segnalate all’inizio dell’estate. Ad oggi, va detto, non sono state riscontrate criticità clamorose, ma è giusto monitorare la situazione”.

Federico Franchin