lunedì, 15 Aprile 2024
HomeVicentinoBassanoMusei Civici di Bassano e Gypsotheca di Possagno ancora insieme nel segno...

Musei Civici di Bassano e Gypsotheca di Possagno ancora insieme nel segno di Canova

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Rinnovata la convenzione per a valorizzare con azioni condivise il patrimonio culturale legato all’artista

Ancora unite del segno di Antonio Canova. Bassano e Possagno, che conservano gran parte del patrimonio di opere del grande artista, hanno rinnovato la convenzione per valorizzare, con azioni strategiche condivise, le reciproche collezioni conservate nei Musei civici bassanesi e del Museo Gypsotheca trevigiano.

Dopo aver celebrato il bicentenario della morte dello scultore con eventi e mostre di rilievo internazionale, le due città hanno sottoscritto un’intesa che prevede, tra le varie azioni, lo sviluppo di un polo di studio e di ricerca su Canova e sulle rispettive collezioni permanenti, il diritto di accesso alle sedi museali a prezzo ridotto per coloro che presentano il biglietto emesso nell’anno solare in corso in uno dei musei gestiti dall’altro ente, ma anche proposte culturali comuni e scambi temporanei di opere d’arte.

A partire dallo scorso gennaio,  inoltre, è possibile usufruire delle agevolazioni sulle tariffe di accesso anche per i possessori delle nuove membership card destinate ad amici e sostenitori di entrambi i Musei.

“La nostra amministrazione guarda sempre con grande attenzione alle opportunità da cogliere attraverso la sinergia territoriale – spiega il sindaco di Bassano, Elena Pavan – e soprattutto all’area sempre più omogenea della Pedemontana veneta, anche in campo culturale e turistico. Siamo certi che la collaborazione con Possagno, paese natale del Canova, porterà benefici e una spinta ancora più forte ad entrambi i nostri preziosi musei”.

“La creazione di una rete tra musei del territorio – aggiunge il primo cittadino di Possagno e vicepresidente della Fondazione Canova, Valerio Favero – è di fondamentale importanza, oltre che per la valorizzazione delle rispettive collezioni, per il rafforzamento dell’impatto sociale delle istituzioni nella crescita del territorio stesso”.

“Già da diversi anni il nostro Museo civico e il Museo Canova coltivano un dialogo e scambi costanti nel segno del grande scultore – continua la direttrice dei Musei di Bassano, Barbara Guidi – nell’ottica di valorizzare un patrimonio culturale che condividiamo con orgoglio, e che ci fa sentire tutti parte della stessa famiglia. Abbiamo così ottenuto risultati straordinari con tante iniziative organizzate congiuntamente per il bicentenario della morte di Antonio Canova, e sono certa che questo rinnovato accordo ci darà la spinta per proseguire lungo questa strada di successo”.

“Confronto e collaborazione tra le due istituzioni – conclude Moira Mascotto, direttore del Museo Gypsotheca Antonio Canova di Possagno – sono pratiche consolidate da tempo, nell’ottica della miglior valorizzazione del patrimonio di entrambe le collezioni che, insieme, si completano e permettono la miglior conoscenza e apprezzamento di Canova. Al contempo, si onora la volontà di Giovanni Battista Sartori, che desiderava creare nel territorio delle sinergie volte a preservare la memoria storica e artistica del fratello scultore”.

Raffaella Forin