sabato, 25 Maggio 2024
HomeVicentinoAlto VicentinoOspedale di Santorso: doppio “open day” in chirurgia generale per ridurre...

Ospedale di Santorso: doppio “open day” in chirurgia generale per ridurre le liste d’attesa

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Sono stati 45 gli interventi “minori” eseguiti nella giornata di sabato 13 aprile, l’iniziativa sarà replicata anche questo sabato. 

Prosegue con impegno l’azione dell’Ulss 7 Pedemontana per ridurre le liste d’attesa, e la Chirurgia di Santorso si distingue riproponendo gli “open day” del sabato, questa volta con due sessioni dedicate agli interventi “minori” in day hospital. Lo scorso sabato 13 aprile, la prima giornata straordinaria ha registrato l’esecuzione di 45 procedure su altrettanti pazienti, con un team composto da 3 chirurghi e 3 infermieri, operanti in altrettanti ambulatori dalle 8:30 alle 13:30. Questa formula si ripeterà anche il prossimo sabato 20 aprile, con altri 45 interventi programmati.

«Gli interventi eseguiti sono stati vari in particolare per la rimozione di neoformazioni cutanee, ma anche di lipomi sottocutanei e cisti sebacee. Avevamo circa 400 interventi di questo tipo in attesa e contiamo di eseguirli tutti entro la fine di maggio, grazie a questi due open day e alla programmazione di una seduta operatoria settimanale riservata, tutti i venerdì di aprile e di maggio, nelle sale operatorie della Chirurgia Generale –  dichiara  il dott. Giuseppe Portale, direttore dell’U.O.C. Chirurgia Generale si Santorso -. Tutto questo mentre stiamo lavorando, tra specialisti ospedalieri, medici di medicina generale e in collaborazione con la Direzione, alla definizione di un percorso formalizzato per i pazienti con neoformazioni cutanee».

«Voglio ringraziare lo staff per la disponibilità che ha manifestato ancora una volta con l’obiettivo comune di ridurre le liste di attesa – commenta il Direttore Generale Carlo Bramezza -. Questa ulteriore apertura straordinaria conferma il nostro impegno in questo senso e la nostra attenzione a dare assistenza a tutti i pazienti, anche a quelli con problematiche che sul piano clinico possono essere di minore rilevanza, ma ai quali però dobbiamo e vogliamo comunque garantire una risposta in tempi rapidi».