Home Padovano Bassa Padovana Monselice: dai colori di un murales l’invito ad impegnarsi

Monselice: dai colori di un murales l’invito ad impegnarsi

Il desiderio dei giovani partecipanti al progetto Evisioni ha preso forma dalle mani dell’artista Tony Gallo con un murales

Il murales di Tony Gallo
Il murales di Tony Gallo

Un murales per ripartire nel segno di “Un giorno sarà migliore tu intanto fai!”. Motto questo da cui ha preso forma l’iniziativa con protagonisti i giovani partecipanti al progetto “Evisioni2020” e Tony Gallo. L’artista padovano è stato, infatti, la mano capace di tradurre il sogno degli “evisionari” in disegni e colori. A fare letteralmente da sfondo all’impresa la facciata ovest dello stabile di proprietà della Società Operaia di Mutuo Soccorso di Monselice in via Teatro, vicino all’ex cinema Roma.

Un’opera di rigenerazione urbana ideata e promossa dai partecipanti al progetto Evisioni, nell’ambito del Piano Giovani “Bassa Punto” della Regione Veneto, con la collaborazione dell’assessore alle politiche giovanili Andrea Parolo e il coordinamento dell’associazione di Promozione Sociale Melià. L’ispirazione è nata nel gruppo di giovani durante un viaggio intrapreso in Sicilia, lo scorso settembre, per conoscere le buone pratiche di politiche giovanili. Esperienza da cui è scaturito il desiderio di restituire alla città di Monselice il valore di ciò che avevano visto, appreso e toccato con mano.

Per farlo hanno cercato uno spazio concreto di azione e invitato Tony Gallo a dare forma a questa loro idea. L’artista ha raccolto la sfida, trovando la giusta ispirazione per il suo murales nel motto che ha accompagnato i giovani nel loro percorso: “Un giorno sarà migliore tu intanto fai!”.

Al mercoledì shopping no-stop “Grazie alla Società Operaia di Mutuo Soccorso di Monselice che per prima, nella persona del presidente Sig. Frizzarin Ferdinando, non ha esitato un attimo ad accogliere la proposta dei ragazzi e dell’amministrazione, dimostrando lungimiranza e capacità di essere ancora una volta istituzione aperta al futuro” sottolinea Andrea Parolo “e attenta interprete delle istanze e dei desideri del territorio e specialmente dei giovani in questo caso mettendo a disposizione lo spazio e collaborando con l’associazione giovanile Melià”. Un murales che segna l’incontro tra tradizione e innovazione, lanciando un messaggio forte di ripartenza per l’intera comunità.

Martina Toso

Le più lette