martedì, 16 Aprile 2024
HomeRodiginoProvincialeAtti persecutori nei confronti dell’ex, fermato in Polesine

Atti persecutori nei confronti dell’ex, fermato in Polesine

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Seguiva la donna costringendola a raggiungere la Caserma dei Carabinieri per farlo desistere, rintracciato in provincia di Rovigo per l’uomo è scattato il braccialetto elettronico

Nei giorni scorsi i Carabinieri della Compagnia di Castelmassa (RO) rintracciavano in uno dei comuni della giurisdizione un 41enne, italiano, residente in provincia di Genova, nei cui confronti davano esecuzione a un’ordinanza di “divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa” con prescrizioni di “divieto di comunicazione con qualsiasi mezzo” e di applicazione di strumenti tecnici di controllo (c.d. “braccialetto elettronico”), emessa dal Tribunale di Modena su richiesta di questa Procura della Repubblica, in quanto indagato del delitto di “atti persecutori”.

Le indagini svolte dai Carabinieri della Tenenza di Vignola (MO) – a seguito di querela sporta da una 52enne del Modenese, già legata all’indagato da precedente relazione affettiva – consentivano di ricostruire quanto accaduto dal mese di novembre 2023, allorquando l’uomo, nonostante una precedente sentenza di condanna emessa a suo carico per fatti di maltrattamento in danno della medesima persona offesa, si rendeva responsabile, in ipotesi accusatoria, di condotte reiterate nei confronti dell’ex partner (telefonandole ripetutamente, inviandole una missiva con richiesta di riavvicinamento, presentandosi presso il suo domicilio e seguendola a bordo dell’autovettura finché la stessa non raggiungeva la Caserma dei Carabinieri), così cagionandole un perdurante stato d’ansia, ingenerando un fondato timore per la propria incolumità e costringendola ad alterare le proprie abitudini di vita.

I Militari della Tenenza di Vignola, ricevuto il provvedimento cautelare, svolgevano ulteriori accertamenti insieme ai colleghi liguri e rodigini, riuscendo a individuare l’indagato presso un’abitazione del Polesine, di proprietà di un suo conoscente, dove i Carabinieri di Castelmassa davano esecuzione alla misura cautelare.