sabato, 20 Aprile 2024
HomePadovanoConselvanoComunità energetica a Due Carrare: avanti tutta con l’iter, in tanti hanno...

Comunità energetica a Due Carrare: avanti tutta con l’iter, in tanti hanno già risposto e il Comune partecipa alla gara regionale

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Il sindaco di Due Carrare: “A prescindere dal risultato del bando, partiremo con la nostra comunità energetica”

Dopo la presentazione alla cittadinanza, l’iter della Cer procede spedito. Il Comune di Due Carrare ha inoltrato la documentazione per partecipare al bando di gara indetto dalla Regione Veneto che mette a disposizione fino a 30 mila euro per sostenere l’avvio delle comunità energetiche. “A prescindere dal risultato del bando, partiremo con la nostra comunità energetica – afferma il sindaco Davide Moro – Nei prossimi 8-10 mesi contiamo di costituire la Cer. L’aumento dell’anno scorso dei prezzi delle materie prime energetiche ci ha fatto toccare con mano cosa vuol dire essere dipendenti dall’approvvigionamento energetico. Per questo la transizione energetica ha avuto una spinta importante e decisiva. Ovviamente a muovere verso la transizione energetica non c’è solo l’indipendenza ma soprattutto la riduzione dell’impatto ambientale delle nostre attività”.

Alla campagna di adesione alla comunità energetica rinnovabile promossa dal Comune hanno già risposto numerosi privati: cittadini e aziende, futuri consumatori e produttori di energia elettrica all’interno della Cer. A proposito dei produttori, oltre al contributo Gse spettante loro per il consumo dell’energia elettrica da loro prodotta, essi continueranno a ricevere i proventi derivanti dall’immissione della loro energia nella rete nazionale. “Siamo solo all’inizio di un lungo percorso – prosegue Moro – Ci sono degli aspetti normativi ancora da chiarire che vedremo strada facendo, come la natura giuridica da dare alla Cer. La nostra comunità sarà incentrata sullo scambio di energia, senza avventurarci in spese per investimenti. Scambieremo solo l’energia prodotta e consumata, per la quale la Cer riceverà i contributi dal Gse, che saranno divisi tra consumatori e produttori”.

Francesco Sturaro