martedì, 23 Aprile 2024
HomeVenetoAttualità80 milioni di euro per completare la SR10 "Padana Inferiore", De Berti:...

80 milioni di euro per completare la SR10 “Padana Inferiore”, De Berti: “Garantirà una viabilità più scorrevole e sicura”

Tempo di lettura: 2 minuti circa

De Berti: “Questo finanziamento mette a tacere chi aveva manifestato perplessità sulla possibilità di integrare il finanziamento e, quindi, di completare rapidamente l’opera”

80 milioni di euro per il completamento della nuova SR 10 “Padana Inferiore” e la realizzazione del tratto da Ponso a Carceri (Padova). E’ questa la cifra a cui ammonta il nuovo contratto di programma tra Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Anas, a cui il Cipess ha dato il proprio via libera.

“Lo scorso dicembre Veneto Strade ha aggiudicato i lavori per la realizzazione della Strada Regionale 10 per l’intero tratto compreso tra Borgo Veneto e Carceri – ha spiegato la Vicepresidente e Assessore alle Infrastrutture e Trasporti della Regione del Veneto, Elisa De Berti –. Come Regione Veneto avevamo finanziato, grazie a risorse del Fondo nazionale per lo sviluppo e la coesione pari a 89,7 milioni di euro, il primo lotto dell’opera, tra Borgo Veneto e Ponso, per il quale è in corso la progettazione esecutiva, impegnandoci a recuperare, nel breve termine, la differenza di risorse. Essendo la SR 10 una strada che rientra tra quelle riclassificate da regionali a statali, la somma “mancante”, pari a 80 milioni di euro, è stata inserita nel contratto di programma tra Mit e Anas così da coprire il costo del tratto tra Ponso e Carceri”.

“Questo finanziamento – ha precisato la Vicepresidente De Berti – mette a tacere chi aveva manifestato perplessità sulla possibilità di integrare il finanziamento e, quindi, di completare rapidamente l’opera. Mi ero assunta una responsabilità nei confronti del territorio in quanto ero sicura che il Ministero e Anas avrebbero finanziato i lavori per il tratto da Ponso a Carceri e, ad oggi, la valutazione si è dimostrata corretta. L’opera, strategica per il basso padovano e attesa da oltre 20 anni, sarà ora realizzata da Veneto Strade in base ad un accordo con Anas e Mit”.

“Attraverso queste nuove risorse, per le quali ringrazio il Vicepresidente del Consiglio e Ministro Matteo Salvini – ha concluso la Vicepresidente -, porteremo a compimento un’infrastruttura con la quale sarà resa più scorrevole e sicura la viabilità in un’area importante del Medio Veneto, alleggerendo il traffico gravante sui centri abitati, con l’obiettivo, in futuro, di realizzare il tratto fino a Legnago”.

Gaia Ferrarese