martedì, 23 Aprile 2024
HomeBreaking NewsControlli nel locale da ballo a Musile, in pista c'era un "arsenale"...

Controlli nel locale da ballo a Musile, in pista c’era un “arsenale” della droga

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Il bilancio dell’operazione condotta nei giorni scorsi dai carabinieri, insieme alle altre forze dell’ordine

Controlli in un locale di intrattenimento musicale di Musile, riscontrate irregolarità e sequestrato un ingente quantitativo di droga. L’operazione è stata condotta nel pomeriggio di domenica scorsa. E subito aveva fatto discutere il territorio (qui il nostro articolo https://www.lapiazzaweb.it/2024/03/musile-controlli-in-un-locale-notturno-il-silb-no-alle-illegalita/ ). Adesso le forze dell’ordine hanno reso noto il bilancio dell’operazione.

All’interno del locale, sul pavimento o nascoste tra i mobili presenti, sono state rinvenute varie tipologie di sostanze stupefacenti: 128 pastiglie di ecstasy, 35 grammi circa di MDMA liquido e in polvere, 13 grammi circa di ketamina, 21 dosi di cocaina, oltre mezzo etto di hashish, 6 grammi di marijuana e 5 bottigliette di “popper”, tutto sottoposto a sequestro.

Il blitz è stato condotto dai militari della Compagnia Carabinieri di San Donà, supportati dai Carabinieri Cinofili di Torreglia, dai Nas di Treviso e dal Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Venezia, nonché da personale della Compagnia della Guardia di Finanza di San Donà, della Polizia Locale di Musile e dei Vigili del Fuoco di Venezia. Nel complesso sono stati controllati circa 200 clienti e 20 lavoratori, addetti a varie mansioni.

Sono state inoltre accertate carenze igienico sanitarie e l’irregolarità di un plateatico dovuta all’installazione non autorizzata di un banco di distribuzione di bevande alcoliche. Per tali violazioni, sono state applicate sanzioni amministrative per complessivi 5 mila euro.

Nel corso del controllo, sono state segnalate alle competenti Prefetture di residenza 6 persone, provenienti dal Triveneto, in quanto trovate in possesso di marijuana e hashish per uso personale.

Giovanni Monforte