Moritzino forever, i 50 anni dal rifugio dei vip

turismoFiorello e Stefano Meloccaro di ‘Edicola Fiore’ gli auguri glieli hanno inviati, a sorpresa, in diretta. E nel loro stile, tra il serio e il goliardico. Moritz Cra onara, il fondatore e animatore mondano del mitico rifugio Moritzino in Val Badia, sta camminando ancora sulle nuvole per le tante coccole ricevute durante i festeggiamenti per i 50 di attività del locale in alta quota più famoso delle Dolomiti.
Forse dell’intero arco alpino (per la cronaca, premiato per questo motivo nel 1999 a Graz). Tante coccole perché la festa è durata quattro giorni, mica uno solo. Con contorno di vip, di musica, di prelibatezze di cucina e di fuochi d’artifi cio sulla neve. Un’atmosfera allegra e mondana, da cinepanettone.

Difficile spiegare il segreto del successo di questo locale d’alta quota, che sorge sul Piz La Ila di La Villa, vicino alla stazione a monte dell’omonima funivia, sosta gettonatissima dell’après – ski ‘fighetto’ ed esclusivo. Sosta che vanta frequentazioni vip di primordine ed eventi glamour fi ssati nelle cronache turistiche della Val Badia. A guardar bene sembra proprio Moritz Cra onara il primo a stupirsi di questo successo. Lui si è sempre limitato a essere sé stesso, un po’ istrione e un po’ gigione. Glamour proprio perché ama non esserlo. Alla festa dei 50 anni aveva l’aria meravigliata di uno spettatore, non del protagonista. I colleghi della Val Badia gli riconoscono dei meriti nel recente sviluppo turistico della valle e nella tessitura di relazioni importanti. Una volta si permise di far aspettare l’Aga Khan perché in rifugio non c’erano tavoli liberi.

“Accettò di buon grado – ricorda Moritz – anzi, si complimentò per il locale pieno. Per scusarmi lo portai in giro in slitta e così siamo diventati amici”.

Viveur come pochi, Moritz Cra onara, in realtà ama esibire di più il suo spirito audace e spericolato. Le mille ore di volo, con tanto di atterraggio di fortuna; le maratone ciclistiche del tipo Lisbona – Pistoia e Pistoia – Istanbul, oppure Corvara – Sicilia. Così grande la sua passione per la bici che nella sua collezione spiccano due Bianchi di Gimondi e una di Pantani. Ma anche le corse sulle motoslitte e i rally esercitano in lui un grande fascino. Il Moritzino e Moritz, un binomio inscindibile insomma. Questione di identità. Per mezzo secolo l’uno legato all’altro: il rifugio e il suo fondatore. Il club Moritzino in cima al Piz La Ila è stato aperto il 9 settembre 1966 e da allora è diventato un ritrovo vip e un ristorantino niente male, oggi a dato al talento dello chef Marco Spinelli. E’ stato Moritz ha portare la movida urbana e modaiola a oltre 2.000 metri. Alla festa del mezzo secolo, il 17 dicembre scorso, c’erano molti nomi noti della televisione tedesca, che al pubblico italiano dicono poco ma che Oltralpe contano molto: Anja e Gerit Kling, Anja Kruse, Hannes Jaenicke, Bruno Eyron, Max Tidof, Janina Hartwig e Harold Faltermeyer.

La musica era un prodotto ‘di casa’: il duo Slimash composto da David Lucas Craffonara (figlio di Moritz e della moglie Silvana) ed Elisa Metus, con il dj Luca Noale alla consolle per le danze sfrenate fi no a notte fonda. Nel 1966 al Moritzino lavorava tutta la famiglia di Moritz Cra onara: la madre faceva la cuoca, il padre il lavapiatti e la sorella la cassiera. Gli inizi, come spiega Moritz Cra onara, non sono stati facili: “All’inizio non c’era acqua in rifugio e quindi la si doveva portare su. Talvolta arrivava ghiacciata”. Il rifugio ha cambiato faccia più volte, adattandosi ai miglioramenti dell’impianto di risalita ed è stato uno dei primi dell’Alto Adige a dotarsi di servizio self service. In questi 50 anni il rifugio ha ospitato tanti vip: da Nino Benvenuti ai Pooh, a Massimo Lopez, Marta Marzotto, Ezio Zermiani, Dieter Krebs, Bubi Scholz, il principe Alberto di Monaco, Alberto Tomba, Manuela Arcuri, vari piloti di Formula 1 e diversi uomini politici. Il rifugio club Moritzino si chiama così dal 1986, nei primi vent’anni era semplicemente rifugio Piz La Ila. Le prime motoslitte per trasportare i turisti sono state acquistate nel 1975, il primo ‘gatto’ da 15 posti nel 1980 e poco dopo è stato preso quello grande da 40 posti. La discesa a valle a bordo del gatto delle nevi è un’esperienza da vivere. La gestione del rifugio ora è in mano al fi glio di Moritz, Alexander Cra onara, che con entusiasmo sta portando avanti molti progetti di miglioramento della struttura. C’è da giurare che per un altro mezzo secolo ancora il Moritzino riuscirà a stare al passo con le nuove tendenze e a o rire relax e divertimento ai suoi ospiti. Moritz per primo ci crede.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento