sabato, 24 Febbraio 2024
 
HomeAnimaliNuovo cucciolo in casa: come educarlo alle regole

Nuovo cucciolo in casa: come educarlo alle regole

Tempo di lettura: 3 minuti circa

L’arrivo di un nuovo cucciolo in casa è un’ondata di felicità ma che porta con sé anche tantissime responsabilità, non solo nelle cure che andranno fornite ma anche e soprattutto nell’educazione. 

È importante perciò scegliere subito un buon veterinario che saprà non solo occuparsi con attenzione della salute del nostro nuovo amico a quattro zampe, ma anche indirizzarci su molte questioni, come la scelta dell’alimentazione migliore per lui. 

I cuccioli infatti hanno bisogno di molte piccole attenzioni, non da ultimo una nutrizione pensata per le loro esigenze di cani in crescita. Se ad esempio il nostro piccolo è particolarmente delicato l’ideale sarà scegliere per lui crocchette puppy monoproteiche, in quanto pensate per cani con sensibilità alimentari, intestinali o cutanee,  e fornendo contemporaneamente la giusta quantità di sostanze nutritive perfette per la crescita. 

Risolte a questo punto le problematiche relative all’alimentazione e alla tutela della sua salute, è importante concentrarsi sull’educazione e su come stabilire una convivenza felice condividendo alcune “regole di casa”.

Qual è il tipo di approccio migliore da adottare?

Partiamo dalle basi: in che modo è opportuno approcciarsi al proprio animale domestico per rendere l’eventuale addestramento efficace e semplice?

Ci sono infatti delle piccole regole da seguire, tenendo in considerazione qual è l’indole del proprio cucciolo:

  • Cerca sempre di porti a lui in maniera giocosa e dolce. Urlare e punire può spaventarlo e basta.
  • Sempre meglio premiare i comportamenti positivi piuttosto che punire quelli negativi.
  • Un cucciolo ha una soglia dell’attenzione molto bassa, non allungare la sessione d’addestramento a più di 5 o 10 minuti ed è preferibile svolgerla in un luogo tranquillo e pacifico, dove abbia poche cose su cui distrarsi.
  • Le parole semplici sono più facili da ricordare, accompagna i gesti a queste.
  • I cani vivono nel presente, perciò rimproverarli per qualcosa che è successo precedentemente per loro non ha significato. Se è necessario il “no” deve arrivare sul momento.
  • Per i premi non usate lo stesso alimento che usate quotidianamente, ma deve essere uno snack a parte, gustoso, che lui possa distinguere dal normale cibo e vedere più come “premio” vero e proprio.

Quali sono le regole di base da insegnare?

Alcune sono sicuramente intuitive, ma altre potrebbero non esserlo e non prenderle in considerazione potrebbe essere un errore, portando il cane a crescere con qualche comportamento sbagliato.

Ciò che è importante insegnare subito al proprio cane da cucciolo, perciò, è:

  • I bisogni si fanno fuori. Per farlo sarà fondamentale creare una routine di passeggiatine, almeno 2 o 3 al giorno, rispettando sempre gli stessi orari.
  • Non si morde. Questo può essere complicato: i cuccioli esplorano il mondo con la bocca. È concesso il “no” se viene colto sul fatto, ma in linea generale è preferibile dargli dei giochi alternativi che possano rosicchiare, e premiarli quando li usano.
  • La socializzazione. Questo è un aspetto che non tutti tengono molto in considerazione, ma che in realtà è estremamente importante. Abituarlo fin da cucciolo alla socializzazione lo porterà a non avere paura degli estranei e non entrare in conflitto con altri cani. Portalo in dei parchi dove può incontrare altri cani, altre persone e renditi sempre partecipe ai suoi giochi.
  • Il richiamo e i comandi. Non è da sottovalutare l’importanza del nome come richiamo. Il primo anno di vita è fondamentale per attribuire a sé il suono del proprio nome, usandolo con costanza, privo di vezzeggiativi durante le sessioni educative, e premiando il ritorno quando il cane è in libertà. Il rispetto dei comandi base, come il “seduto” o “a terra”, supportati da una comunicazione visiva tra voi e il cane, gli insegnerà a prestare maggiore attenzione a ciò che dite. Importante è non abusarne e utilizzarli sono nelle situazioni in cui è bene farlo.

Conclusioni

L’arrivo di un cucciolo in casa è sicuramente un grande evento, in grado di portare gioia ed entusiasmo, ma non bisogna dimenticarsi anche di tutte le responsabilità.

Un cane deve essere curato, bisogna assicurarsi di scegliere per lui la corretta alimentazione, seguire le prassi sanitarie e provvedere all’educazione.

Un compito che può sembrare faticoso, ma che in realtà, con la giusta complicità e allegria, si trasformerà presto in un gioco per entrambi in grado di rendervi davvero inseparabili.

 
 
 

Le più lette