domenica, 3 Marzo 2024
 
HomeVenetoAttualitàIsraele-Palestina, Zaia: "L'obiettivo è rimpatriare tutti i veneti bloccati"

Israele-Palestina, Zaia: “L’obiettivo è rimpatriare tutti i veneti bloccati”

Tempo di lettura: 1 minuti circa

Queste e le parole del presidente del Veneto Luca Zaia dopo l’arrivo al Catullo di Verona della comitiva di pellegrini, comprendente anche 2 neonati e 5 bambini, rimasti bloccati a Gerusalemme.

PADOVA 10–07-2023
Sede La Piazza- visita del presidente della Regione Veneto , Luca Zaia.
©NICOLA FOSSELLA

“In un clima di grande preoccupazione e dolore, l’arrivo all’aeroporto di Verona di un folto gruppo di cittadini rimasti bloccati a Gerusalemme segna una importante tappa nell’impegno che stiamo portando avanti per riuscire a rimpatriare rapidamente tutti i veneti che ancora si trovano in Israele, colti nella situazione di guerra scatenata da Hamas. Nel dare loro un saluto di bentornati, ringrazio il Ministro degli Esteri Taviani, tutti gli uffici della Farnesina coinvolti e le autorità diplomatiche per l’ininterrotto lavoro che hanno garantito a favore di un rapido esito dell’operazione, contemporaneamente esprimo un plauso alla compagnia Neos che ha garantito il volo”.

Con queste parole il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ha commentato, ieri sera, l’arrivo al Catullo di Verona della comitiva di pellegrini, comprendente anche 2 neonati e 5 bambini.

“Siamo al corrente – conclude il Governatore – che anche in aree nel nord del paese, anche in un kibbutz, ci sarebbero altri cittadini italiani provenienti dal Veneto. Continueremo a seguire la situazione in stretto contatto con il Ministero affinché tutti coloro che sono rimasti in quella morsa di violenza cieca, terrore e tensione possano rientrare alle loro case”.

 
 
 

Le più lette