Home Padovano Padova Est Saonara: elettrodotto interrato Dolo-Camin, parte l’iter

Saonara: elettrodotto interrato Dolo-Camin, parte l’iter

Terna annuncia un investimento da 140 milioni di euro. Spariranno 123 tralicci e 95 ettari di territorio tra Dolo e Camin saranno liberati da linee elettriche

Elettrodotto
Elettrodotto

Terna ha inviato al Ministero dello Sviluppo Economico istanza di autorizzazione per l’intervento di razionalizzazione della rete elettrica tra Dolo e Camin, finalizzato a migliorare l’affidabilità e la qualità del servizio elettrico dell’area. L’intervento, fa parte della più ampia razionalizzazione della rete di alta tensione nelle aree di Venezia e Padova, è una delle opere di sviluppo della rete elettrica regionale inserite nel Protocollo d’Intesa sottoscritto da Terna e Regione del Veneto il 21 gennaio 2019 e frutto di oltre un anno di incontri e sopralluoghi con la Regione del Veneto e i Comuni interessati per individuare la migliore fascia di fattibilità del tracciato.

“Con un investimento di 140 milioni di euro- spiega in una nota Terna- il nuovo collegamento in cavo interrato permetterà di favorire lo scambio di energia tra le aree di Venezia e Padova e incrementare la resilienza della rete. L’opera assicurerà, al contempo, la riduzione delle perdite di rete con conseguente efficientamento del servizio di trasmissione. Il progetto prevede la realizzazione di un nuovo elettrodotto in cavo interrato a 380 kV della lunghezza di circa 16,5 km e la demolizione di quasi 32 km di elettrodotti aerei oggi esistenti. Saranno 123 i tralicci smantellati e circa 95 gli ettari di territorio liberati da infrastrutture elettriche”.

I Comuni coinvolti nel progetto sono Dolo, Camponogara, Stra, Fossò e Vigonovo in provincia di Venezia e i comuni di Padova e Saonara. Saonara nello specifico è interessata da interventi di demolizione. “Proseguendo nell’ottica di sostenibilità e dialogo con il territorio, che ha caratterizzato il percorso di concertazione del tracciato, Terna si metterà a disposizione dei cittadini- continua la nota- per illustrare il progetto tramite incontri interattivi online, le cui date saranno a breve comunicate”.

I Comuni dell’area interessati como preso quello di Saonara hanno ricevuto la comunicazione da Terna dell’avvio dell’istanza. Ora potranno per novembre, chiedere eventualmente tramite gli uffici competenti, una integrazione doculmentale se ritenessero quella inviata da Terna non sufficiente. Gli stessi Comuni poi, cercheranno di coinvolgere misure anti covid permettendo la popolazione.

Alessandro Abbadir

Le più lette