giovedì, 18 Aprile 2024
HomeVenezianoMiranese NordSanta Maria di Sala, Donazzan: "Siglato accordo per la tutela e la...

Santa Maria di Sala, Donazzan: “Siglato accordo per la tutela e la ricollocazione dei lavoratori di Passaggio Obbligato”

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Firmato un patto riferito ai lavoratori dello stabilimento di S. Maria di Sala di Passaggio Obbligato per rispondere alla decisione della società di chiudere il sito

L’incontro, richiesto dalle Parti, è stato convocato dall’assessore regionale al lavoro Elena Donazzan e coordinato da Giuliano Bascetta dell’Unità di crisi aziendali di Veneto Lavoro. Vi hanno preso parte la Direzione Lavoro regionale, l’azienda con i suoi consulenti, le organizzazioni sindacali provinciali Femca e Fisacat CISL, Filctem e Filcams CGIL, Ultec e Uiltucs UIL e i rappresentanti dei lavoratori.

Passaggio Obbligato, titolare del marchio Nara Milano, a tre anni dall’acquisizione da parte di Fenicia, non ha ottenuto i risultati di mercato sperati e ha deciso di chiudere il sito di S. Maria di Sala (VE), che presenta una struttura di costi ritenuta non sostenibile e che attualmente occupa 20 lavoratori.

“Da quando è stata resa nota la decisione di chiusura del sito di S. Maria di Sala da parte di Passaggio Obbligato – Nara Camicie, abbiamo preso in carico la situazione su richiesta delle organizzazioni sindacali e accompagnato la trattativa con l’azienda nelle sue fasi più complesse” ha affermato l’assessore al Lavoro Elena Donazzan. “L’accordo siglato oggi tra l’azienda e le Parti sociali prevede garanzie e tutele per i 20 lavoratori interessati, tra queste il ricorso agli ammortizzatori sociali, la messa a disposizione di strumenti di indennizzo per trasferte ed eventuali trasferimenti, la concessione di incentivi all’esodo e l’impiego di politiche attive per il lavoro messe a disposizione dalla Regione del Veneto che potranno agevolare il reinserimento lavorativo di tutti i lavoratori coinvolti”.